Sabato 20 Gennaio 2018 - 14:30

Meteo, fine settima variabile: vento forte e neve abbondante sulle Alpi

Le temperature saranno altalenanti: in calo sabato, in temporaneo rialzo domenica, torneranno a diminuire ancora nella giornata di lunedì

Maltempo a Roma

"La perturbazione numero 9 di gennaio, prima di abbandonare definitivamente la nostra Penisola, oggi porterà ancora un po' di maltempo al Sud. Anche il Nord andrà incontro a un graduale peggioramento del tempo dovuto all'avvicinarsi della perturbazione numero 10, che tra sabato e domenica interesserà prevalentemente le Alpi e il Centro-Sud con un notevole rinforzo dei venti. Le temperature - spiegano i meteorologi del Centro Epson Meteo - saranno altalenanti: in calo oggi, in temporaneo rialzo domani, torneranno a diminuire ancora nella giornata di lunedì. In generale, non arriverà nessuna ondata di freddo intenso nel weekend e, probabilmente, neanche la prossima settimana."

PREVISIONI PER SABATO. Inizio giornata con qualche debole nevicata sulle Alpi Occidentali e piogge sparse al Sud e su parte del medio Adriatico. Tempo più stabile nelle altre regioni, con residua nuvolosità sull'alto Adriatico e qualche nebbia nelle valli interne del Centro Italia. Nel pomeriggio le precipitazioni si attenuano gradualmente al Sud, mentre su Nord e Toscana aumentano le nuvole. Sul resto del Centro Italia e in Sardegna tempo più soleggiato. Lungo l'arco alpino insistono le nevicate, particolarmente intense intorno ai rilievi della Valle d'Aosta. In serata piogge in arrivo sulla Toscana e sulla Sardegna nord-occidentale, non è esclusa qualche debole precipitazione anche sull'alta Pianura padana e in Friuli-Venezia Giulia. Nella notte le precipitazioni si estenderanno a gran parte dei versanti tirrenici e alle Marche. Temperature massime in calo soprattutto al Nord-Ovest, lungo l'Adriatico e in Sardegna. Giornata ventosa per Maestrale al Centro-Sud: tra sera e notte possibili raffiche burrascose sui mari di ponente.

PREVISIONI PER DOMENICA. Molte nuvole al Centro-Sud e sulle Isole, con piogge sparse e locali rovesci che andranno attenuandosi solo alla fine della giornata. Il tempo sarà soleggiato al Nord, fatta eccezione per le Alpi dove sono previste nevicate sparse sui settori di confine. Ancora una volta, la neve sarà particolarmente abbondante intorno alla Valle d'Aosta. Nel corso della giornata le schiarite tenderanno a estendersi anche alle regioni centrali tirreniche. Temperature massime in netto rialzo al Nord-Ovest, sulle regioni tirreniche e in Sardegna. Insistono forti venti da ovest-nordovest con raffiche di burrasca fino a 80-90 km orari intorno alle Isole maggiori.

LA TENDENZA PER LA PROSSIMA SETTIMANA. Lunedì una perturbazione a carattere di fronte caldo transiterà sul settore alpino, portando nevicate abbondanti soprattutto nelle aree più settentrionali. Sul resto d'Italia il tempo sarà generalmente soleggiato, con qualche annuvolamento passeggero ad alta quota e qualche addensamento sulla Sardegna. Le temperature saranno per lo più in diminuzione. Al mattino forte maestrale su Salento, alto Ionio e basso Adriatico, nel pomeriggio venti tesi di maestrale sulla Sardegna. Nella parte centrale della settimana un campo di alta pressione assicurerà tempo stabile in tutta l'Italia, con la possibile formazione di nebbie sulla Valle Padana. Giovedì sera, poi, una perturbazione si avvicinerà all'Italia da ovest: probabilmente determinerà un progressivo peggioramento sui settori occidentali del Paese. I prossimi aggiornamenti permetteranno di conoscere maggiori dettagli su questa evoluzione.
 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Macerata, Oseghale spostato nel carcere di Ascoli, lontano dagli altri indagati

L'uomo, arrestato per l'omicidio della 18enne, è stato trasferito in un altro penitenziario

Pioggia a Milano

Pioggia no-stop su tutta Italia: il meteo del 18 e 19 febbraio

Le previsioni in Italia a cura dell'Aeronautica militare

Ministério da Agricultura garante que não há riscos para o consumo de carne

Cresce mercato cibo italiano, ma nel piatto è falso 1/4 dei made in Italy

Al via la petizione #stopcibofalso per chiedere al Parlamento Europeo che i consumatori abbiano la possibilità di conoscere da dove arriva il cibo che portano in tavola