Domenica 17 Dicembre 2017 - 09:45

Nebbia e gelo: il meteo del 17 e del 18 dicembre

Continuano a scendere le temperature in questo nuovo inizio di settimana

Milano, temperature vicine allo zero, persone infreddolite a porta Nuova

Le previsioni per oggi, domenica 17 dicembre, secondo l'Aeronautica militare

Nord: addensamenti compatti lungo le aree alpine di confine con nevicate che si localizzeranno nel corso della giornata sul settore centro-orientale; ampie schiarite altrove con locali annuvolamenti sulla Liguria; gelate estese ed isolati banchi di nebbia al mattino sulla pianura padano-veneta e valli minori.

Centro e Sardegna: sereno o poco nuvoloso su Toscana, Umbria e Lazio salvo annuvolamenti lungo le aree appenniniche; molto nuvoloso su Sardegna, Marche e Abruzzo con associate precipitazioni più frequenti sulle regioni adriatiche dove risulteranno anche temporalesche lungo le coste, sporadiche invece sull'isola; neve sui rilievi delle regioni adriatiche a quote superiori ai 400-500 metri e al di sopra degli 800-1.000 metri sulla Sardegna; banchi di nebbia al mattino nelle valli e pianure interne.

Sud e Sicilia: molto nuvoloso con precipitazioni sparse, più frequenti sulle aree tirreniche di Basilicata, Calabria, Sicilia e sul Molise e Puglia dove assumeranno localmente carattere di rovescio o temporale specie lungo le coste; neve inizialmente al di sopra dei 1.200-1.400 metri in abbassamento fino a 600-700 metri nella seconda parte della giornata su Campania, Molise e Puglia e a quote superiori ai 1.000-1.200 metri su Calabria e Sicilia. Dalla sera schiarite parziali sulla Campania.

Temperature: minime in generale diminuzione più sensibile al Nordest, regioni centrali, Molise, Puglia, Campania e Basilicata; massime in lieve rialzo su Liguria e Pianura Padana occidentale, stazionarie sulla Sardegna e il resto del Nord, in generale calo sulle restanti regioni più deciso sul versante centrale adriatico, Molise e Puglia garganica.

Venti: deboli occidentali al Nord con rinforzi residui da Nord sulla Liguria; moderati settentrionali al centro-sud con rinforzi lungo le coste adriatiche, sulle due isole maggiori e Calabria. Mari: molto agitato il mare e canale di Sardegna; agitato lo stretto di Sicilia, il basso Tirreno e medio Adriatico; molto mossi i restanti mari con moto ondoso in aumento dal pomeriggio sul basso Adriatico, in attenuazione invece l'alto Adriatico, il mar Ligure e l'alto Tirreno

 

Le previsioni del tempo per domani, lunedì 18 dicembre, secondo l'Aeronautica militare.

Nord: al primo mattino estese velature a parte addensamenti nuvolosi più compatti sui rilievi alpini con qualche debole nevicata associata, un po' più consistente sulla Valle d'Aosta. Dalla tarda mattinata un graduale temporaneo aumento della nuvolosità interesserà il settore meridionale del Piemonte, la Liguria e l'Emilia-Romagna occidentale con fenomeni, in particolare al pomeriggio, su queste ultime due regioni che assumeranno carattere nevoso a quote superiori ai 600-700 metri. In serata attenuazione dei fenomeni e della nuvolosità con prevalenza di ampie zone di sereno.

Centro e Sardegna: poco nuvoloso al mattino su tutta le regioni in attesa di un aumento della copertura nuvolosa su Sardegna, Toscana ed aree costiere laziali con fenomeni in arrivo sull'isola in serata specie sul settore occidentale dove risulteranno anche temporaleschi. Miglioramento pomeridiano atteso sulle regioni tirreniche peninsulari con trasferimento della nuvolosità sulle regioni adriatiche dove non si escludono locali pioviggini lungo la costa.

Sud e Sicilia: molte nubi su Sicilia tirrenica e Calabria con rovesci e temporali sparsi. Molte nubi al mattino anche sulle aree interne tra Campania, Molise, Basilicata e sulla Puglia dove in particolare lungo le aree costiere adriatiche non si esclude qualche debole pioggia. Generale miglioramento nel corso del pomeriggio.

Temperature: minime in aumento sulla Valle d'Aosta ed aree alpine occidentali, in diminuzione sul resto del Paese; massime in aumento anche sensibile sulla Valle d'aosta e aree alpine occidentali, stazionarie su Liguria centrale, Marche, Abruzzo e Sardegna e in calo sul resto del Paese.

Venti: deboli variabili al centro-nord e moderati dai quadranti settentrionali al Sud; con tendenza a disporsi dai quadranti settentrionali su Liguria e da quelli occidentali sulla Sardegna e a intensificare. Mari: al mattino agitato mar e canale di Sardegna con moto ondoso in temporanea attenuazione; da poco mossi a mossi mar Ligure e Adriatico settentrionale; da mossi a molto mossi gli altri mari con moto ondoso in attenuazione. Nel corso del pomeriggio nuova intensificazione su mar di Sardegna e mar Ligure fino a localmente molto agitato.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Cei. Apertura del Consiglio episcopale permanente.

La Cei: "Credevamo sepolti i discorsi sulla razza, no alla 'cultura della paura'"

Il presidente Bassetti: "E' immorale lanciare promesse che si sa di non riuscire a mantenere e speculare sulle paure della gente"

Continua il viaggio di Papa Francesco in Perù

Pedofilia, Papa su Barros nessuna esitazione: "Ma chiedo scusa alle vittime"

"Ho usato parole sbagliate e ho ferito chi ha subito abusi", ha spiegato il Pontefice

Roma, chiesto processo per riciclaggio per Fini e i Tulliani

Sono accusati di essere coinvolti nel giro di affari del 're delle slot' Francesco Corallo

Infortunio mortale sul lavoro all'azienda Elettrotecnica LG

Cassino, si è suicidato il padre accusato di abusi dalla figlia minorenne

Il corpo senza vita trovato impiccato in una chiesa in località Castello a Roccasecca. La denuncia della ragazzina arrivata attraverso un tema in classe