Mercoledì 11 Gennaio 2017 - 18:15

Messina, Ylenia difende l'ex: Non è stato lui, mia madre lo odia

E' intervenuta nella puntata odierna di Pomeriggio 5

Messina, Ylenia difende il suo ex: Non è stato lui, mia madre lo odia

"Non è stato lui". Così Ylenia Grazia Bonavera, la ragazza 22enne ricoverata al Policlinico di Messina con ustioni sul 13 per cento del corpo, ha difeso ancora l'ex ragazzo accusato della sua aggressione, in un'intervista andata in onda durante la puntata odierna di Pomeriggio 5 di Barbara d'Urso, in onda su Canale 5.

"Quella sera mi ha dato anche dei soldi per divertirtmi, ci siamo scambiati baci, abbracci", ha detto Ylenia in diretta, durante la quale la ragazza ha fermato la madre che voleva interrompere il collegamento: "Continuo a parlare, lei non lo può vedere Alessio (l'ex fidanzato ndr), lei vorrebbe avvocati e professionisti per me". "Non ci sono prove, dovete credere a me, lui mi amava da morire" ha insistito la ragazza.

"Non è in grado di fare una cosa del genere" ha sottolineato Ylenia parlando con Barbara d'Urso. In merito al video delle telecamere che avrebbero ripreso l'ex a riempire una tanica di benzina la ragazza ha risposto: "Non può essere stata presa per altro? La verità uscirà". "Quattro anni fa mi è successo, mi hanno dato fuoco ma ne sono uscita illesa", ha raccontato la giovane.

"Io sono molto aggressiva, sono una testa di cavolo e mia madre questo non lo dice, va solo contro di lui" spiega la giovane. "Non so cosa farei se avessi la prova che è stato lui, gli sputerei in faccia", conclude Ylenia.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Scalata a Mediaset, Bollorè indagato per concorso in aggiotaggio

Scalata Mediaset, indagato Bollorè per concorso in aggiotaggio

L'indagine è stata aperta un mese fa dai pm milanesi, Fabio De Pasquale e Stefano Civardi

Papa incontra Villarreal: Calcio è come vita, serve spirito di squadra

Papa incontra Villarreal: Calcio è come vita, serve spirito di squadra

Bergoglio ha ricevuto anche una maglietta della squadra personalizzata e autografata da tutti

Avvocato ucciso a colpi di pistola a Locri: fermato lo zio

Avvocato ucciso a colpi di pistola a Locri: fermato lo zio

Ferito alla testa e al torace è morto in ospedale

Caporalato, bracciante morta ad Andria: arrestate sei persone

Caporalato, bracciante morta ad Andria: arrestate sei persone

Paola Clemente era deceduta il 13 luglio 2015 mentre lavorava nei campi