Lunedì 09 Gennaio 2017 - 09:15

Messina, giovane bruciata viva difende l'ex: Non è stato lui

La ragazza è ricoverata in gravissime condizioni

Messina, giovane bruciata viva dall'ex che non si rassegna alla rottura

Una ragazza, Ylenia Grazia Bonavera, è stata ricoverata al Policlinico di Messina per gravi ustioni su tutto il corpo. L'ex fidanzato 25enne l'avrebbe aggredita ieri, dandole fuoco. E' stato rintracciato dalla polizia e fermato. La giovane, di 22 anni, avrebbe sentito suonare alla portata verso le 6 di mattina e l'ex fidanzato le avrebbe gettato della benzina addosso perché non si rasegnava alla fine della relazione, interrotta qualche mese fa. La ragazza avrebbe ustioni sul 60% del corpo.

LA RAGAZZA DALL'OSPEDALE DIFENDE L'EX FIDANZATO. Ylenia "ha cercato di spegnere le fiamme con le mani, poi ha avuto la forza di chiamare la vicina di casa" che, a sua volta, ha avvertito il 118. A raccontarlo ai cronisti è Anna Giorgio, la mamma di Ylenia. "Le ho detto di denunciarlo - dice ancora la donna - ma lei ora dice che non è stato lui...non lo so...ma se lui ora è in carcere vuol dire che ha fatto qualcosa. Voglio la verità".

"Non è stato lui, non è stato lui. Ma io voglio sapere perché hanno arrestato qualcuno che non c'entra", ha detto poi la stessa la ragazza. L'audio della giovane, in evidente stato di shock, è riportato da Repubblica.it.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Roma, maltempo con pioggia e nuvole

Meteo, nuvole e temperature in calo: le previsioni per il 20 e il 21 agosto

Tempo instabile soprattutto sul medio-basso Adriatico

Turisti e sicurezza in città'

Isis minaccia su Telegram: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

Lo riferisce l'organizzazione Usa Site. Il Viminale comunica di aver espulso due marocchini e un siriano per motivi di pericolosità sociale

Trovato cadavere carbonizzato in un prato vicino ad Aosta

Per il momento non è stato possibile identificare la vittima

I genitori di Valeria Solesin: "Conosciamo questo dolore"

Luciana Milani e Alberto Solesin scrivono una lettera aperta ai familiari delle vittime della strage di Barcellona