Sabato 18 Giugno 2016 - 10:15

Messico, trovati 7 corpi decapitati vicino casa 'El Chapo' in Sinaloa

Si sospetta coinvolgimento cartello Guzman nell'uccisione dei taglialegna

Messico

I corpi decapitati di sette uomini sono stati ritrovati nello stato di Sinaloa, nel Messico occidentale, vicino alla casa del signore della droga Joaquin 'El Chapo' Guzman, ora in carcere. Secondo quanto riferito da Martin Robles, il vice procuratore generale di Sinaloa, i sette uomini erano taglialegna aggrediti vicino alla città di Rosario, vicino alla località sul Pacifico di Mazatlan.
 

Negli ultimi anni, lo Stato di Sinaloa è stato scenario di numerosi scontri tra l'esercito e i narcotrafficanti, ma al momento non è ancora chiaro se il cartello di Guzman sia coinvolto nell'uccisione dei taglialegna.
Robles ha poi precisato di non poter confermare le notizie circolate dall'inizio di questa settimana secondo cui decine di uomini armati armati avevano attaccato la casa della madre di Guzman a Sinaloa.
El Chapo, attualmente detenuto in un carcere, è in attesa di estradizione negli Stati Uniti per rispondere delle accuse di traffico di droga, riciclaggio di denaro e omicidio.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Il Pentagono ammette l'esistenza di un programma per cercare gli Ufo

Da anni il programma 'segreto' indaga sulle segnalazioni di oggetti volanti non identificati

Gerusalemme capitale, ancora proteste in tutto il mondo musulmano

Gerusalemme, l'Onu lavora a bozza di risoluzione contro la mossa di Trump

Nel testo si evidenzia che qualsiasi decisione sullo status della città non ha alcun effetto legale

Sanità, Trump vieta la parole "transgender", "feto", "diritti" e "basato sulla scienza"

L'ordine riguarda i documenti ufficiali di bilancio del Center of Disease Control. Sette i termini cancellati. Imbarazzo e perplessità

AUT, 24. OSZE Ministerrat

Austria, Strache al governo con Kurz. Ministeri chiave a estrema destra

Il presidente austriaco ha dato luce verde alla formazione del nuovo esecutivo con la coalizione tra il Partito popolare (Övp) e gli ultranazionalisti del Partito liberale (FpÖ)