Martedì 07 Giugno 2016 - 17:15

Meryl Streep 'diventa' Trump: la parodia in teatro a New York

L'attrice, nota sostenitrice di Hillary Clinton, si è lanciata in un'interpretazione beffarda del magnate

Meryl Streep

Meryl Streep ha portato sul grande schermo la Lady di ferro Margaret Thatcher e la femminista inglese Emmeline Pankhurst, ma ieri sera l'attrice, tre volte premio Oscar, ha voluto trasformarsi in Donald Trump portando sul palco del Delacorte Theater di Central Park a New York una parodia poco lusinghiera del repubblicano.

Meryl Streep ha indossato un largo abito scuro e la cravatta rossa, si è messa in testa una stropicciata parrucca bionda e si è spalmata sulla faccia una crema arancione per avere l'incarnato abbronzato di Trump: era irriconoscibile.

 

 

Stando al Daily mail, sul palco per la rassegna dedicata a Shakespeare, Meryl è stata accompagnata dall'attrice Christine Baranski per uno scambio di battute tratte dal musical 'Kiss me Kate', ispirato a 'La bisbetica domata'. Un pezzo tradizionalmente cantato da gangster che consigliano come corteggiare le donne recitando frasi di Shakespeare. Meryl Streep, nota sostenitrice della democratica Hillary Clinton, ha dato un'interpretazione beffarda di Trump scherzando su alcuni atteggiamenti sessisti attribuiti all'uomo d'affari americano.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

US-POLITICS-ECONOMY-IMF-WORLDBANK-SPRING-MEETINGS

La Francia avverte l'Italia: "Se non rispetta impegni a rischio stabilità dell'eurozona"

Il ministro dell'Economia Bruno Le Maire lancia l'allarme e ricorda: "In Europa ci sono regole da rispettare"

VENEZUELA-ELECTION-PREPARATIONS

Venezuela stremato al voto per le presidenziali: Maduro verso la rielezione

Urne aperte fino alle 18 (mezzanotte in Italia). Schierati circa 300mila militari e poliziotti

Cannes 2018, a Marcello Fonte il Premio come Miglior attore per “Dogman”

Trionfo dell'Italia a Cannes: vincono Rohrwacher e Fonte. La Palma d'oro è giapponese

A "Shoplifters" il massimo riconoscimento del festival. "Dogman" vince la miglior interpretazione maschile, mentre "Lazzaro felice" la miglior sceneggiatura