Domenica 12 Febbraio 2017 - 18:00

Meryl Streep contro Trump: Ci fa rischiare un inverno nucleare

Nuove critiche al presidente da parte dell'attrice statunitense

Meryl Streep contro Trump: Ci fa rischiare un inverno nucleare

Nuove critiche a Donald Trump dall'attrice statunitense Meryl Streep. "Se il suo catastrofico istinto di vendetta non ci porterà a un inverno nucleare, avremo molto di cui ringraziare questo presidente. Perché ci avrà fatto rendere conto di quanto in realtà sia fragile la libertà", ha detto la star di Hollywood nella serata americana di sabato, ricevendo a New York un premio di Human Rights Campaign, associazione Lgbt. Maryl Streep, senza menzionare esplicitamente Trump, lo aveva criticato aspramente a gennaio durante la serata di gala degli Oscar, provocando l'accesa risposta del presidente Usa sui social network.

"Meryl Streep, una delle attrici più sopravvalutate di Hollywood, non mi conosce ma mi ha attaccato", aveva scritto Trump su Twitter, definendo l'interprete una "serva" di Hillary Clinton, la candidata democratica sconfitta dal magnate nelle presidenziali dello scorso 8 novembre. E a queste critiche Streep ha risposto ieri sera in modo ironico: ha detto che risulta "terrificante mettersi un bersaglio sulla fronte" quando si affronta Trump; "ti espone a ogni tipo di attacchi di eserciti di 'camicie brune', 'larve' e cose peggiori. L'unico modo di farlo è se senti di doverlo fare", ha aggiunto l'attrice. Non ha precisato a cosa si riferisse, ma il termine 'camicie brune' si usa di solito per indicare gruppi paramilitari che appoggiarono l'ascesa del nazismo in Germania. "La frusta dell'esecutivo può, attraverso un account Twitter, colpire e intimidire, castigare e umiliare, delegittimare la stampa e nemici immaginari con irregolarità spasmodica e con una prevedibilità facilmente provocata", ha proseguito scagliandosi contro Trump.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Figli segregati in casa in California: genitori accusati di tortura

Tredici giovani legati ai letti senza cibo né acqua. Interrogati sul motivo, David Allen e Louise Anna Turpin non hanno saputo dare spiegazioni alla polizia

Burma Rohingya crisis

Rohingya rimpatriati entro due anni in Birmania: la paura dei profughi

Raggiunto un accordo con il Bangladesh. Ma i rifugiati, in fuga dalle violenze, non vogliono tornare nello Stato di Rakhine

Dodici ragazzi segregati e legati in una casa in California

Arrestati i genitori. E' successo a Perris, a est di Los Angeles. Una si è liberata e ha chiamato la polizia. Una scena infernale

Anversa, crolla una palazzina: due morti tra le macerie. Escluso il terrorismo

L'esplosione potrebbe essere partita dalla pizzeria italiana al piano terra. Sono 14 i feriti, 5 gravi. Alcuni abitanti estratti vivi