Domenica 12 Febbraio 2017 - 18:00

Meryl Streep contro Trump: Ci fa rischiare un inverno nucleare

Nuove critiche al presidente da parte dell'attrice statunitense

Meryl Streep contro Trump: Ci fa rischiare un inverno nucleare

Nuove critiche a Donald Trump dall'attrice statunitense Meryl Streep. "Se il suo catastrofico istinto di vendetta non ci porterà a un inverno nucleare, avremo molto di cui ringraziare questo presidente. Perché ci avrà fatto rendere conto di quanto in realtà sia fragile la libertà", ha detto la star di Hollywood nella serata americana di sabato, ricevendo a New York un premio di Human Rights Campaign, associazione Lgbt. Maryl Streep, senza menzionare esplicitamente Trump, lo aveva criticato aspramente a gennaio durante la serata di gala degli Oscar, provocando l'accesa risposta del presidente Usa sui social network.

"Meryl Streep, una delle attrici più sopravvalutate di Hollywood, non mi conosce ma mi ha attaccato", aveva scritto Trump su Twitter, definendo l'interprete una "serva" di Hillary Clinton, la candidata democratica sconfitta dal magnate nelle presidenziali dello scorso 8 novembre. E a queste critiche Streep ha risposto ieri sera in modo ironico: ha detto che risulta "terrificante mettersi un bersaglio sulla fronte" quando si affronta Trump; "ti espone a ogni tipo di attacchi di eserciti di 'camicie brune', 'larve' e cose peggiori. L'unico modo di farlo è se senti di doverlo fare", ha aggiunto l'attrice. Non ha precisato a cosa si riferisse, ma il termine 'camicie brune' si usa di solito per indicare gruppi paramilitari che appoggiarono l'ascesa del nazismo in Germania. "La frusta dell'esecutivo può, attraverso un account Twitter, colpire e intimidire, castigare e umiliare, delegittimare la stampa e nemici immaginari con irregolarità spasmodica e con una prevedibilità facilmente provocata", ha proseguito scagliandosi contro Trump.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Tensione Usa-Iran. Trump: "Fate attenzione". Teheran: "Stupido"

Il presidente americano su Twitter contro Rouhani che aveva avvertito gli Usa assicurando che un conflitto con Teheran sarebbe "la madre di tutte le guerre"

Paura a Toronto, sparatoria in strada: tre morti e 12 feriti

Un uomo armato, freddato poi dalla polizia, ha aperto il fuoco nel quartiere greco uccidendo una donna. Tra i coinvolti anche un bambino

Russiagate, Trump al contrattacco: "Fbi spiava la mia campagna"

Per il presidente il Bureau teneva sotto controllo un suo consulente per avvantaggiare Hillary Clinton

La Proactiva Open Arms in azione al largo della Libia

Migranti, appello del Papa: "Basta tragedie". Open Arms non denuncia Italia

Per l'ong la guardia costiera libica è colpevole di omissione di soccorso e omicidio colposo in relazione alla morte di due migranti. Tripoli nega: "Solo calunnie"