Giovedì 07 Gennaio 2016 - 15:45

Mertens: Napoli da scudetto? Pensiamo a vincere a Frosinone

L'esterno offensivo degli azzurri smorza gli entusiasmi e invita a restare concentrati

Mertens abbracciato dal compagno di squadra Callejon

"Scudetto? Dobbiamo vincere a Frosinone, poi vediamo. Non dobbiamo parlare troppo, ma fare". All'indomani del successo contro il Torino l'esterno offensivo del Napoli Dries Mertens è proiettato solamente sulla gara di domenica al 'Matusa'. "Tutti i giocatori sono pronti, abbiamo vinto in casa ma dobbiamo vincere anche fuori - ha proseguito il giocatore belga ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli - Chi temo tra le altre inseguitrici? Dobbiamo pensare a noi, questa è la cosa più importante". L'ex calciatore del Psv Eindhoven è tornato poi sulla vittoria di ieri.

 

"Volevamo iniziare bene l'anno, l'abbiamo fatto con i tre punti - ha proseguito - Il Torino gioca bene a calcio, è sempre difficile contro di loro". Sotto la guida di Sarri la squadra sembra più unita. "Siamo 25 giocatori, io sono arrivato tre anni fa, quando stai insieme per più anni va sempre meglio - ha sottolineato Mertens - L'Europa League? Dobbiamo dimenticare le sei partite (del girone, ndr). Il Villareal è una squadra forte, dobbiamo stare attenti". In chiusura una battuta sul suo Belgio, primo nel ranking Fifa. "Siamo contenti, è una bella cosa per un paese così piccolo. Abbiamo tanti giocatori bravi, ma non abbiamo vinto niente e vogliamo farlo", ha concluso l'esterno del Napoli.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Chievo Verona vs Juventus - Serie A Tim 2018/2019

Serie A, la prima giornata di campionato | Le dirette

Si parte con Chievo-Juve, poi Lazio-Napoli. Domenica gli altri match. Rinviate Milan-Genoa e Sampdoria-Fiorentina

Amichevole SSC Napoli vs Carpi

Lazio-Napoli: Ancelotti 'emozionato', Inzaghi blinda Milinkovic

È il big match della prima giornata di Serie A. L'allenatore emiliano ha assicurato di non essere 'sazio' di trofei. Il mister biancoceleste: "Non era facile tenere Immobile e Luis Alberto"