Sabato 10 Giugno 2017 - 15:15

Merkel: Ue è pronta ai negoziati per la Brexit, nessun ostacolo

La cancelliera ha detto che l'Ue vuole rimanere "un buon partner" per il Regno Unito

Merkel: Ue è pronta ai negoziati per la Brexit, nessun ostacolo

La cancelliera tedesca, Angela Merkel, ha ribadito  che come governo federale e membro dell'Unione europea, il suo paese è pronto per i negoziati Brexit dopo le elezioni del Regno Unito. "Dal punto di vista del governo federale e come membro dell'Unione europea, siamo pronti per la Brexit", ha detto nel corso di una visita in Messico. Rispondendo ai giornalisti, la Merkel ha spiegato che dopo la vittoria di Theresa May, che però non ha ottenuto la maggioranza, è il momento di avviare negoziati in cui "noi difenderemo gli interessi dei 27 Stati membri". D'altra parte, la cancelliera ha detto che l'Ue vuole rimanere "un buon partner" per il Regno Unito, e ha sottolineato che lo "spirito di trattativa" deve essere quello di trovare un terreno comune. "Siamo pronti per affrontare i negoziati e mi hanno detto che rispetteranno il calendario ", ha detto Merkel, aggiungendo che non vede ostacoli nell'avvio dei colloqui.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

PinkNews awards dinner

Brexit, May spinge su diritti cittadini Ue. E promette: "Resterete in Gb"

In post su Fb la premier britannica rassicura i comunitari regolarmente residenti nel Regno Unito

Barcellona, manifestazione contro l'indipendenza catalana

Sabato il governo di Madrid si riunirà per sospendere l'autonomia della Catalogna

Scaduto l'ultimatum. Puigdemont non risponde con chiarezza e rilancia: "Indipendenza se verrà attivato l'articolo 155"

Catalogna, cos'è e cosa prevede l'articolo 155 della Costituzione

Tutto quello che c'è da sapere sull''arma' del governo di Madrid

Brexit, May scrive una lettera ai cittadini Ue: "Potrete restare nel Regno Unito"

Brexit, May scrive una lettera ai cittadini Ue: "Potrete restare nel Regno Unito"

Accordo in vista per garantire i diritti di circa 3 milioni di stranieri che vivono nel Paese: "Vogliamo che rimangano"