Giovedì 29 Giugno 2017 - 11:45

Merkel esorta Europa: Su clima non possiamo aspettare

"L'Unione europea ha bisogno di assumere più responsabilità per fronteggiare i problemi di sicurezza"

Merkel esorta Europa ad affrontare sfida cambiamento climatico

Dopo Brexit e il ritiro degli usa dal patto sul clima, i restanti membri del blocco devono assumersi una maggiore responsabilità per le sfide "esistenziali" che il mondo ha di fronte. Lo ha detto la cancelliera tedesca Angela Merkel, al parlamento tedesco.  "Siamo convinti - ha aggiunto - che il cambiamento climatico è una delle più grandi sfide che l'umanità deve affrontare. Non possiamo aspettare di agire fino a quando la scienza non ha chiarito ogni dubbio".

Merkel ha detto di essere d'accordo con il piano che il presidente francese Emmanuel Macron per approfondire la cooperazione nell'Ue e nell'area euro, aggiungendo che l'Unione europea ha bisogno di assumere più responsabilità per fronteggiare i problemi di sicurezza, compresa una minaccia di "terrorismo".

Fonte Reuters-Traduzione LaPresse
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Isabell e Preble: morire insieme dopo 71 anni di matrimonio

Una storia americana: si sposarono nel 1946, hanno vissuto sempre vicini e se ne sono andati a poche ore di distanza l'uno dall'altra

The Argentine military submarine ARA San Juan and crew are seen leaving the port of Buenos Aires

Argentina, rilevata 'anomalia idroacustica' nel luogo della scomparsa del sottomarino

Un "rumore" è stato registrato circa tre ore dopo l'ultima comunicazione avuta con il mezzo disperso dal 15 novembre

Ratko Mladic

Chi è Ratko Mladic: 'macellaio' di Srebrenica e assedio Sarajevo

L'ex generale è stato condannato per genocidio e crimini contro l'umanità

Victims and their family members watch a television broadcast of the court proceedings of former Bosnian Serb general Ratko Mladic in the Memorial centre Potocari near Srebrenica

Srebrenica: Mladic condannato all'ergastolo, ma farà ricorso

Era l'ultimo grande accusato per il suo ruolo nella guerra in Bosnia, conflitto che causò almeno 100mila morti