Mercoledì 26 Ottobre 2016 - 14:00

Demolita casa di famiglia palestinese a Gerusalemme

Le ruspe in azione questa mattina, già 1.300 demolizioni da gennaio

Medioriente, demolita casa palestinesi a Gerusalemme: già 1.300 da gennaio

Le autorità israeliane hanno dato il via libera questa mattina alla demolizione di un edificio nel territorio di Gerusalemme Est, in cui viveva una famiglia palestinese composta da 30 persone, per mancanza del permesso comunale.

Ieri la polizia israeliana ha comunicato alla famiglia proprietaria, Yafara, dell'imminente demolizione e questa mattina le ruspe sono entrate nel quartiere palestinese, a sud della Città vecchia, per procedere alla distruzione dell'abitazione circondate da ampie misure di sicurezza.  L'edificio, di due piani e quattro appartamenti, è stato costruito dalla famiglia Yafara 17 anni fa e da allora è stata più volte richiesta la legalizzazione dello stabile.

Il primo avviso di demolizione è stato emesso nove anni fa. Secondo il centro informazioni Wadi Hilweh del quartiere di Silwan la famiglia aveva ricevuto un avviso di sgombero nel 2012, nonostante avesse precedentemente pagato una multa di 100mila shekel (circa 23.834 euro). Israele concede raramente ai palestinesi di costruire a Gerusalemme Est e il processo lungo e costoso dissuade molti dal farlo. L'Organizzazione per la liberazione della Palestina (Olp) ha accusato l'anno scorso Israele di attuare una "pulizia etnica" a Gerusalemme Est, e in particolare nel quartiere di Silwan, cercando di cambiare il carattere demografico di quella zona della città, non concedendo permessi di costruzione ai palestinesi e favorendo così la creazione di insediamenti israeliani.

Circa 1.300 palestinesi sono stati sfollati dall'inizio di quest'anno a causa di demolizioni nel territorio occupato, la Cisgiordania e Gerusalemme Est, secondo l'Onu. L'Ufficio delle Nazioni unite per il coordinamento degli affari umanitari (Ocha) ha confermato oggi un'altra demolizione nel quartiere di Beit Hanina, anche se non ha fornito dettagli sulle circostanze in cui si è verificata.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Egitto, da Usa stop a 300mln in aiuti: pochi progressi in diritti umani

Usa, stop a 300mln in aiuti a Egitto: pochi progressi diritti umani

Frustrazione per una nuova legge che regola le organizzazioni non governative

Pamela Anderson si schiera con cetacei: Chiudete Marineland ad Antibes

Pamela Anderson si schiera con cetacei: Chiudete Marineland ad Antibes

Si è fatta immortalare davanti a un manifesto del parco con un cartello dell'associazione animalista Peta

Barcellona, l'arrestato rivela: "Obiettivo era grande esplosione in Sagrada Familia"

Barcellona, l'arrestato: "Obiettivo era esplosione in Sagrada Familia"

Mohamed Houli Chemlal ha dichiarato davanti ai giudici che l'intenzione iniziale del gruppo era compiere un attentato di maggiori dimensioni

Ciampino, l'arrivo delle salme dei connazionali uccisi durante l'attentato di Barcellona

Barcellona, Francia: Non sapevamo di cellula. Salme vittime in Italia

I quattro terroristi arrestati in tribunale a Madrid. Filone d'indagine in Marocco