Giovedì 12 Gennaio 2017 - 09:30

Mediaset entra in Studio 71 con Tf1. Nasce alleanza europea video

Obiettivo è costruire il più importante gestore europeo di talent digitali in stretta sinergia con la tv generalista

Mediaset: Con Tf1 in Studio 71, nasce alleanza europea video online

Mediaset ha acquisito una partecipazione in Studio 71, il principale Multichannel Network in Europa e tra i primi cinque al mondo, controllato dal gruppo tedesco ProSiebenSat.1 Media. I Multichannel Network come Studio 71 operano sulle principali piattaforme gratuite di distribuzione video (a partire da Youtube), assicurando ai talent creatori di contenuti maggiori visibilità e monetizzazione grazie alla massa critica del network. Studio 71 sviluppa oltre 6 miliardi di video visti al mese ed è presente in cinque Paesi con circa 200 dipendenti. In Italia, gestisce già un inventory di oltre 40 milioni di video visti al mese. Mediaset (con una quota iniziale del 5,5%) e il gruppo francese TF1 (6,1%) entrano nella società, con un investimento totale di circa 50 milioni e una valutazione di 400 milioni, con l'obiettivo di costituire il più importante gestore europeo di talent digitali in stretta sinergia con la tv generalista.

Il mondo dei video online sta in effetti orientandosi sempre più verso il modello di business Avod (Advertising Video On Demand) con accesso gratuito, grandi ascolti e ricavi provenienti integralmente dalla pubblicità. Un ambito in cui i grandi broadcaster europei hanno un vantaggio competitivo inconfutabile, sia in termini di capacità di produzione di contenuti di intrattenimento e valorizzazione del talento degli artisti, sia in termini di raccolta pubblicitaria. E infatti in Italia Publitalia 80 sarà la concessionaria esclusiva del network, potenziando in questo modo la sua vocazione sempre più crossmediale rafforzata da un big data di dimensioni quantitative senza paragoni.

L'ingresso di broadcaster televisivi italiani e francesi in un'attività costruita sullo standard mondiale dei video online come Youtube, da un lato garantirà ai nuovi partner le competenze maturate da Studio 71. E dall'altro assicurerà al network ulteriori risorse per lo sviluppo in nuovi mercati oltre a Germania, Usa, Canada, Gran Bretagna e Austria. Un allargamento che consentirà a Studio 71, che ha le sedi principali a Berlino e Los Angeles, e uffici a New York, Londra, Vienna, Toronto, San Francisco e Chicago, di mantenere i forti ritmi di crescita registrati negli ultimi anni. A seguito degli accordi firmati, sarà costituita nel primo trimestre 2017 la joint venture 'Studio 71 Italia' di cui Mediaset sarà azionista di rilievo (49%) e attraverso la quale verrà gestito l'intero business italiano di Studio 71. La società stabilirà i propri uffici a Milano. Questa alleanza europea nei video Avod, di nuova generazione rispetto alle classiche offerte di contenuti scripted a canone mensile, costituisce il primo passo del nuovo posizionamento dell'Area Digital Mediaset affidata al Chief Digital Officer Pier Paolo Cervi.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Geely Automobile smentisce al momento piani di acquisizione Fca

Geely Automobile smentisce al momento piani di acquisizione Fca

La testata Automotive News aveva parlato dell'interesse di diversi produttori cinesi per Fiat Chrysler Automobiles

Istat, nel secondo trimestre il Pil cresce dello 0,4%: +1,5% annuo

Istat, nel secondo trimestre il Pil cresce dello 0,4%: +1,5% su anno

Era dal secondo trimestre del 2011 che il Pil non segnava una crescita così significativa. Genitloni: "Meglio delle pevisioni"

In Uk restano banconote con grasso, alternativa è olio di palma

In Uk restano banconote con grasso, alternativa è olio di palma

Anche dopo le proteste di animalisti e vegani, la Bank of England ha deciso che non modificherà la composizione del polimero 'incriminato'

Torino, disoccupata si dà fuoco

Allarme della Ragioneria: Se salta limite 67 anni pensioni a rischio

Anche la semplice limitazione degli automatismi di accesso alla pensione determinerebbero un indebolimento del sistema pensionistico italiano