Mercoledì 15 Marzo 2017 - 13:00

P.S. Berlusconi: Difficile accordo con Vivendi, nessuna proposta

"Non ci sono trattative concrete con Sky"

Mediaset, Berlusconi: Difficile accordo con Vivendi, nessuna proposta

"La vicenda Vivendi? Non sta andando, nel senso che abbiamo a che fare con qualcuno che ha rotto un contratto firmato. Riteniamo che Mediaset debba essere risarcita di un danno gravissimo che le è stato fatto. Abbiamo chiesto oltre 1,5 miliardi come eventuale risarcimento del danno. Spesso mi si chiede quale sia la soluzione, ma noi siamo qui per lavorare. Non perdiamo tempo su questioni che sono diventati legali". Queste le parole di Pier Silvio Berlusconi in merito alla vicenda Vivendi-Mediaset.

"Loro sono fiduciosi? Ma di che? Mi fa sorridere. Se parliamo di proposte concrete, il nostro accordo era il migliore possibile. Altri li vedo difficili, ma comunque non ci sono arrivate proposte", ha aggiunto. "Le autorità si stanno muovendo, ci fa piacere ed è anche doveroso. E' un comportamento lontanissimo dalla serietà e dall'etica professionale", ha infine concluso.

"Non ci sono trattative concrete con Sky", ha poi dichiarato in conferenza stampa alla presentazione dei canali Radiomediaset.

"Abbiamo raggiunto un accordo per LCN 20, ma stiamo aspettando una serie di condizioni sia regolamentari richieste all'Agcom, sia legate al perimetro dell'asset. A breve, se sarà come speriamo, diventerà un canale Mediaset", ha aggiunto Berlusconi.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

BELGIUM-BRUSSELS-EU-MOSCOVICI-ECONOMY-RECOVERY

Moscovici: "Voto in Italia rischio politico per Ue". E smonta Di Maio: "Deficit oltre il 3% è controsenso"

Il commissario Ue commenta anche le parole di Fontana sulla "razza bianca a rischio": "Dichiarazioni scandalose"

Nel 2017 l'inflazione torna positiva: crescita dell'1,2%. Carrello della spesa a +1,5%

Le rilevazioni dell'Istat. Rispetto al 2016, l'aumento dei prezzi pesa di più sulle famiglie con meno capacità spesa

Marchionne: "Entro il 2025 oltre la metà delle auto saranno ibride o elettriche"

L'ad di Fca a Detroit conferma gli obiettivi per il 2017 e per il 2018 e aggiunge: "Partner ideale? Non ho bisogno più di nessuno"