Sabato 01 Ottobre 2016 - 22:15

Media rivelano: Trump comparve in video porno soft di Playboy

Nuovo colpo per il magnate, che aveva puntato il dito contro l'ex Miss Universo

Media Usa rivelano: Trump comparve in video porno soft di Playboy

Dopo che il candidato repubblicano alle presidenziali americane Donald Trump ha definito la ex miss Universo Alicia Machado "disgustosa", accusandola di aver preso parte a filmini hard di cui non è stata trovata traccia, sarebbe lo stesso magnate a comparire in un video porno soft di Playboy, circondato da ragazze in abiti succinti. A rivelare l'esistenza del presunto video del 1999 intitolato 'Playboy Video Centerfold 2000' è stato il sito Buzzfeed News. Vi si vedono donne seminude che ballano, fanno il bagno e si mettono in posa. Trump apparirebbe in un cameo, in cui stappa una bottiglia in una limousine, circondato da donne. "La bellezza è la bellezza, vediamo che cosa succede con New York", dice.

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Obama in supporto del candidato democratico Northon in Virginia

Usa, il ritorno di Obama in politica. E Bush gli fa eco (contro Trump)

Un passo molto atteso dai sostenitori dell'ex presidente

Corea del Nord, Kim Jong Un presenzia al lancio di un missile Hwasong-12

Nord Corea insiste sul nucleare: "È questione di vita o di morte"

Il direttore generale del dipartimento Nord America del ministero degli Esteri: "Risponderemo al fuoco con il fuoco"

PSOE meets to analyze Catalonia's situation

Catalogna, accordo governo-Psoe per elezioni locali a gennaio

Madrid acquisirà in via temporanea le competenze della Generalitat tramite l'applicazione dell'articolo 155 della Costituzione

Demonstrators rally before the speech by Richard Spencer, an avowed white nationalist and spokesperson for the so-called alt-right movement, on the campus of the University of Florida in Gainesville

Usa, proteste 'zittiscono' discorso di suprematista bianco in Florida

Il discorso di Spencer è stato organizzato due mesi dopo le manifestazioni dei neonazisti a Charlottesville, in Virginia, dove una persona morì e decine furono ferite.