Mercoledì 17 Agosto 2016 - 16:30

Maxi-sequestro droga nel mar Adriatico: 4 quintali marijuana

Fermata un'imbarcazione provienente dall'Albania

Maxi-sequestro di droga nel mar Adriatico

Maxi-sequestro di droga durante un pattugliamento nell'Adriatico. L'intervento è stato condotto, nella notte di ieri, dalle unità del Reparto Operativo Aeronavale di Bari, in collaborazione con quelle del Gruppo Aeronavale di Taranto nel corso delle quotidiane attività di pattugliamento per il contrasto ai traffici illeciti via mare diretti in Puglia e per la protezione delle frontiere.

Più in dettaglio, nel corso di una missione di sorveglianza nelle acque del basso Adriatico e del canale d'Otranto, i finanzieri avvistavano un'imbarcazione in navigazione, proveniente dalle coste albanesi, che dirigeva, a luci spente e a velocità sostenuta, verso le coste pugliesi, eseguendo continui cambi di rotta. Insospettite da tale comportamento, le motovedette delle Fiamme Gialle si avvicinavano per eseguire un controllo più accurato, scoprendo così che il mezzo era visibilmente carico di involucri, normalmente utilizzati per il confezionamento di sostanza stupefacente.

Gli scafisti, accortisi della presenza dei finanzieri che dirigevano verso il loro mezzo, immediatamente si liberavano di buona parte del carico per alleggerirsi, dandosi a precipitosa fuga e ponendo in essere pericolose manovre per sfuggire alla cattura. Tale tentativo, tuttavia, risultava vano perché le due motovedette della Guardia di Finanza riuscivano poco dopo ad affiancare il mezzo e alcuni militari salivano immediatamente a bordo assumendone il controllo. Contestualmente altre unità recuperavano gli altri grossi involucri contenenti la droga, poco prima lanciati in mare dagli scafisti in fuga.

I due scafisti, l'imbarcazione e il carico di stupefacenti venivano condotti dai finanzieri presso gli ormeggi della Sezione Operativa Navale di Otranto per gli approfondimenti del caso.
Il carico di stupefacenti, risultato del tipo marijuana, contenuto in 23 grossi colli, per un peso complessivo di 4 quintali, se fosse giunto sulle piazze di spaccio avrebbe fruttato all'organizzazione criminale oltre 4 milioni di euro. Stupefacente e natante venivano sequestrati, mentre gli scafisti, Z.A.di 51 anni e L.A. di 66 anni, entrambi brindisini con numerosi precedenti penali di vario tipo, anche in materia di stupefacenti, venivano arrestati in flagranza di reato per traffico e detenzione di droga.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Perquisizione nella sede della Consip

Consip, Sessa e Scafarto sospesi dal servizio per depistaggio

Il colonnello e il maggiore dei carabinieri accusati di aver distrutto prove utili agli inquirenti relative all'inchiesta

Nevicata in Piemonte - Disagi sulla A32 Torino Bardonecchia

Maltempo, ancora allerta in Liguria. Problema trasporti

I fiumi liguri sono sorvegliati speciali per rischio esondazione. Circolazione difficile ma in via di stabilizzazione

Sequestro di madre e figlia fuori dal centro commerciale Valecenter di Venezia

'Ndrangheta, blitz nel reggino: 48 arresti, sequestro per 25 mln

In manette anche l'ex sindaco e un ex assessore di Taurianova. Le accuse sono di associazione mafiosa, estorsione, danneggiamento e porto illegale di armi