Mercoledì 17 Agosto 2016 - 16:30

Maxi-sequestro droga nel mar Adriatico: 4 quintali marijuana

Fermata un'imbarcazione provienente dall'Albania

Maxi-sequestro di droga nel mar Adriatico

Maxi-sequestro di droga durante un pattugliamento nell'Adriatico. L'intervento è stato condotto, nella notte di ieri, dalle unità del Reparto Operativo Aeronavale di Bari, in collaborazione con quelle del Gruppo Aeronavale di Taranto nel corso delle quotidiane attività di pattugliamento per il contrasto ai traffici illeciti via mare diretti in Puglia e per la protezione delle frontiere.

Più in dettaglio, nel corso di una missione di sorveglianza nelle acque del basso Adriatico e del canale d'Otranto, i finanzieri avvistavano un'imbarcazione in navigazione, proveniente dalle coste albanesi, che dirigeva, a luci spente e a velocità sostenuta, verso le coste pugliesi, eseguendo continui cambi di rotta. Insospettite da tale comportamento, le motovedette delle Fiamme Gialle si avvicinavano per eseguire un controllo più accurato, scoprendo così che il mezzo era visibilmente carico di involucri, normalmente utilizzati per il confezionamento di sostanza stupefacente.

Gli scafisti, accortisi della presenza dei finanzieri che dirigevano verso il loro mezzo, immediatamente si liberavano di buona parte del carico per alleggerirsi, dandosi a precipitosa fuga e ponendo in essere pericolose manovre per sfuggire alla cattura. Tale tentativo, tuttavia, risultava vano perché le due motovedette della Guardia di Finanza riuscivano poco dopo ad affiancare il mezzo e alcuni militari salivano immediatamente a bordo assumendone il controllo. Contestualmente altre unità recuperavano gli altri grossi involucri contenenti la droga, poco prima lanciati in mare dagli scafisti in fuga.

I due scafisti, l'imbarcazione e il carico di stupefacenti venivano condotti dai finanzieri presso gli ormeggi della Sezione Operativa Navale di Otranto per gli approfondimenti del caso.
Il carico di stupefacenti, risultato del tipo marijuana, contenuto in 23 grossi colli, per un peso complessivo di 4 quintali, se fosse giunto sulle piazze di spaccio avrebbe fruttato all'organizzazione criminale oltre 4 milioni di euro. Stupefacente e natante venivano sequestrati, mentre gli scafisti, Z.A.di 51 anni e L.A. di 66 anni, entrambi brindisini con numerosi precedenti penali di vario tipo, anche in materia di stupefacenti, venivano arrestati in flagranza di reato per traffico e detenzione di droga.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Bimbo abbandonato a Brescia, trovata la mamma: ha altri 5 figli

La donna ha nascosto la gravidanza e ha poi abbandonato il piccolo in un vicolo

Blitz allevatori all'Antitrust per la 'Guerra del latte'

Antitrust, al via il convegno a Treviso con Laitenberger e Pitruzzella

Il 24 e il 25 maggio torna la tredicesima edizione del convegno

Roma, la sindaca Raggi in ospedale per un malore

Livorno, crolla solaio in una scuola: ferito professore

L'uomo è salito su un pannello divisorio di cartongesso per aprire una finestra

"Mangia in piedi come un animale", bimbi insultati e maltrattati: arrestate due maestre a Parma

In manette due insegnanti di Colorno accusate di violenze su alunni della materna. Codacons: "Installare telecamere nelle scuole". Un altro caso a Udine