Venerdì 21 Ottobre 2016 - 17:45

Maxi attacco hacker negli Usa: fuori uso centinaia di siti

Nel mirino il provider Dyn, sono in corso le indagini per risalire ai responsabili

Maxi attacco hacker negli Usa: fuori uso centinaia di siti, da Twitter a Spotify

Le principali compagnie Internet statunitensi hanno subito interruzioni dei loro servizi online per diverse ore, dopo che il provider Dyn è stato colpito da un attacco hacker che ha interrotto il traffico di dati soprattutto sulla costa orientale americana. Tra i siti che hanno smesso di funzionare ci sono anche Twitter, Spotify, Reddit. Il vice presidente di Dyn, Scott Hilton, ha fatto sapere che indagini sono in corso per risalire ai responsabili dell'attacco hacker. "La nostra priorità nelle ultime due ore sono stati i nostri clienti e il ripristino del loro servizi", ha sottolineato. Dyn ha sede a Manchester, in New Hampshire, ed è un provider di servizi per la gestione degli indirizzi Internet. Tra i suoi clienti ci sono Pfizer, Visa, Netflix, Twitter, SoundCloud e BT.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Israele, Netanyahu inaugura una nuova sezione dell'Aeroporto di Tel Aviv

Netanyahu all'Iran: "Non metteteci alla prova"

Il primo ministro israeliano mostra un frammento di drone dalla Siria abbattuto la scorsa settimana: "Se attaccati, reagiremo"

TOPSHOT-ALPINE-SKIING-OLY-2018-PYEONGCHANG

Vonn amareggiata: "Io antiUsa? Ce l'ho solo con Trump"

La campionessa messa sotto accusa sui social per le sue dichiarazioni critiche nei confronti del presidente: "Parlerò dopo le gare. Non ho cambiato idea"

Nucleare iraniano: ministro degli esteri Zarif torna a Teheran

Iran, si schianta aereo con più di 60 persone a bordo: non ci sono superstiti

Il velivolo della compagnia Aseman è precipitato nella regione di Semirom. È scomparso dai rad subito poco dopo il decollo

US-SCHOOL-SHOOTING-PROTEST

Usa, studentessa attacca Trump dopo l'agguato al liceo: "Vergognati"

La giovane ha denunciato i legami del presidente con l'Nra, la principale lobby delle armi americane. E lui attacca l'Fbi: "Troppo impegnata con Russiagate"