Domenica 12 Novembre 2017 - 08:00

Pezzali e la sua prima canzone in radio: "Ero solo, fu incredibile"

Un doppio album con trenta dei suoi più grandi successi per festeggiare i 25 anni di carriera

"The Voice", conferenza stampa e photocall

Per Max Pezzali arrivano i 50 anni, e con loro i 25 di carriera. Sì, sembra incredibile, ma tanto è passato da quando per la prima volta avete accesso la radio e avete sentito quella strana canzone, con un testo un po' assurdo, ma che era impossibile non cantare.

Era il 1992 e 'Hanno ucciso l'uomo ragno' entrava a gamba tesa nella vita e nei ricordi di intere generazioni. Da quel momento, prima con gli 883 e poi da solo, Pezzali ha saputo crearsi uno spazio tutto suo nell'industria musicale italiana, fino a diventare addirittura un icona. E così, è arrivato il momento di festeggiare e, perché no, anche un po' di autocelebrarsi. Quale modo migliore di un doppio album contenente trenta dei più grandi successi di Max, proprio quelli passati alla radio? Il 17 novembre esce 'Le canzoni alla radio', che non si limita a ricordare il passato, ma guarda al futuro grazie alla presenza di sette inediti.

Oltre a 'Duri da battere', singolo con i featuring di Nek e Francesco Renga con cui Pezzali sarà in tour da gennaio, c'è anche il brano che dà il titolo all'album. "L'idea iniziale ruotava intorno ai pezzi nuovi, però non si poteva far finta che non ci fosse un anniversario, un importante momento di bilancio della carriera. Quindi si è pensato di unire le due cose, in modo da non scontentare nessuno e guardare al presente e al futuro mantenendo un occhio sulla storia che così tanta fortuna mi ha portato", racconta Max. La scelta del titolo dell'album è dettata dall'amore di Pezzali per la radio, tanto da considerarla "l'elemento della mia formazione di una cultura e sensibilità pop".

Ma si ricorda la sensazione della prima volta che ha sentito un suo brano in FM: "Trasmisero la prima canzone degli 883 già nel 1991, 'Non me la menare', poi 'S'inkazza - Questa casa non è un albergo' nel 1992. Ma l'emozione vera venne con 'Hanno ucciso l'uomo ragno'. Quando partì quello, come singolo, fu una botta incredibile. Improvvisamente cominciarono ad ascoltarlo tutti. Ricordo la prima volta in cui l'ho sentita: ero in macchina da solo, in epoca pre-telefonini, non sapevo neanche con chi condividere il momento. Potevo solo fermarmi in una cabina, ma non avrei mai fatto in tempo. Vissi questa emozione da solo, cantando in macchina e sembrando probabilmente un imbecille a quelli nelle macchine vicine".

Loading the player...

Ascoltare la radio è sempre stato per Pezzali talmente importante, che addirittura ha in testa uno dei brani che in passato lo ha colpito di più: "Era il 1983, sentii una canzone di un gruppo scozzese, i Big Country, si chiamava 'Change'. Aveva una melodia meravigliosa, fu una delle più grandi influenze per me in quel periodo. La trovai semplicemente strepitosa, andai subito a cercare il disco per comprarlo". Una volta uscito il disco, partirà l'instore tour e poi, a gennaio, i concerti in compagnia dei colleghi Nek e Francesco Renga: "A brevissimo dovremo incontrarci perché Filippo (Nek, ndr) è rientrato da poco, era fuori Italia. Adesso troveremo il tempo di vederci, per ora ci teniamo aggiornati sulla chat di Whatsapp, ci scambiamo impressioni, idee, suggerimenti. Dobbiamo concretizzare, mettere giù la scaletta, gli arrangiamenti e partire con la costruzione dello show".

Nei live, però, a parte 'Duri da battere', non dovrebbero esserci gli inediti di 'Le canzoni alla radio' perché, spiega Max, "vorrei che rimanesse una sorta di greatest hits. Speriamo che qualcuna di queste canzoni diventi un successo in futuro. Ma al momento cerchiamo di mantenerci su quelle più conosciute dal pubblico". Il tour dei tre cantanti si fermerà durante la settimana di Sanremo, ma il motivo non è una partecipazione: "Siamo concentrati su questo progetto. Non abbiamo mai pensato all'Ariston, né uno solo di noi né tutti insieme. Magari potremmo andare come ospiti, o vederlo da casa. Sarà comunque uno spettacolo. Sono curiosissimo di vedere il Festival di Claudio Baglioni che è una persona di integrità e serietà incredibili. Sarà sicuramente perfetto". 

Scritto da 
  • Chiara Troiano
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

New Kids on the block ritratti

"Nick Carter mi violentò. Colpa non è delle vittime, denunciate"

Melissa Schuman esce allo scoperto dopo 15 anni per battersi contro il fenomeno del "victim blaming"

Foto tratta dalla pagina Facebook degli AC/DC

Morto Malcolm Young, chitarrista e cofondatore degli AC/DC

Scomparso a 64 anni dopo una lunga malattia

Zucchero, 30 anni di carriera con 'Wanted': "Ora nuovo capitolo"

E dopo cinque anni, durante i quali in Italia ci sono stati solo gli show all'Arena di Verona, Fornaciari torna in tour

Sergio Sylvestre festeggia il Natale: esce 'Big Christmas'

Undici canzoni tipiche del periodo delle feste per tenere compagnia ai suoi fan sotto l'albero