Giovedì 27 Aprile 2017 - 14:00

Mattarella su Gramsci: Pensatore colto, sua lezione morale è viva

Oggi l'inaugurazione della mostra in occasione dell'ottantesimo anniversario della morte del fondatore del Pci

Mattarella ricorda Gramsci: Pensatore colto, sua lezione morale viva

"A ottant'anni dalla morte, avvenuta con le sofferenze della lunga detenzione patita nel carcere fascista, ricordiamo in Antonio Gramsci un pensatore colto e originale - i cui scritti alimentano tuttora studi, riflessioni, ricerche in ogni parte del mondo - e uno dei Padri della Sinistra italiana". Così il presidente della Repubblica Sergio Mattarella che oggi partecipa alla Camera all'inaugurazione della mostra 'Gramsci. I quaderni dal carcere' in occasione dell'ottantesimo anniversario della morte del fondatore del Pci.

Mattarella dice ancora: "Le sue battaglie, la sua elaborazione teorica e la sua figura politica hanno contribuito in modo significativo alla fondazione dello Stato democratico e al suo radicamento popolare. La pubblicazione delle Lettere e dei Quaderni del Carcere - e successivamente la ricostruzione dell'intero Epistolario gramsciano - costituisce uno snodo significativo della vicenda politica e culturale del Novecento italiano".

Per il capo dello Stato "La capacità di Gramsci di rileggere - con autonomia intellettuale - la nostra storia sociale e culturale, di interpretare il Risorgimento e lo sviluppo dello Stato Unitario, di analizzare i tratti specifici della questione meridionale, di cogliere il senso della incipiente partecipazione dei ceti popolari alla costruzione dello Stato, ha consentito alla sua parte politica un originale ancoraggio nazionale peculiare e significativo.

Le ragioni del vasto interesse internazionale per l'opera di Gramsci sono strettamente legate a categorie e concetti, da lui elaborate e usate negli scritti, che hanno segnato le espressioni del Movimento marxista in vari Paesi, con una distanza critica dall'ortodossia dogmatica sovietica".

Mattarella conclude: "La vicenda politica e umana di Antonio Gramsci, la sua lezione morale e culturale sono in grado di offrire ancora oggi molteplici spunti e la riflessione della sua figura, in una stagione di grandi cambiamenti come quella che viviamo, può ulteriormente arricchire il patrimonio comune del nostro Paese".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Liliana Segre, reduce di Auschwitz

Chi è Liliana Segre, sopravvissuta all'Olocausto e nuova senatrice a vita

Vittima delle leggi razziali del fascismo, il 30 gennaio 1944 venne deportata con il padre in Germania e poi al campo di concentramento di Birkenau-Auschwitz

Porta a porta, ospiti Danilo Toninelli e Matteo Orfini

Pd, Orfini: "LeU? Evitiamo scenari confusi alla D'Alema. No larghe intese"

Per il presidente del Partito democratico Renzi è la prima scelta per palazzo Chigi, senza escluderne però altri. E l'obiettivo da raggiungere alle urne è il 25%

Milano, convegno "Fare pace è un'impresa"

Olocausto, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Sopravvissuta ai campi di concentramento, ha ricevuto la carica per il suo impegno nel campo sociale

Matteo Salvini annuncia l'ingresso di Giulia Bongiorno nella Lega

Bongiorno capolista, è scontro nella Lega. Maroni: "Io e Bossi combattevamo Andreotti"

Polemiche sull'ex avvocatessa del democristiano e new entry nel partito. Salvini replica: "Orgoglioso della mia scelta"