Martedì 06 Dicembre 2016 - 13:30

Renzi: Lascio dopo ok alla manovra. Senato accelera sul voto

Anche il Pd aveva chiesto di passare in tempi rapidi all'approvazione della legge. M5s: Pronti a scongelare il premier

Renzi: Lascio dopo ok alla manovra. Pd chiede iter rapido: testo già domani in aula

Dimissioni in standby, quanto basta ma non troppo. La rapidità annunciata da Matteo Renzi nella conferenza stampa di domenica notte, dopo la sonora sconfitta al referendum costituzionale, subisce uno stop inaspettato. Le dimissioni irrevocabili vengono congelate, tutto per permettere al Parlamento, coadiuvato da un governo regolarmente in carica, di approvare in tempi rapidi la manovra in Senato ponendo la questione di fiducia. Solo allora Renzi tornerà al Quirinale per rimettere nella stessa giornata il mandato e affrontare da dimissionario una direzione del Partito Democratico bollente, ma questa è un'altra partita.

SI ACCELERA SULLA MANOVRA. Il Senato stringe i tempi sulla manovra: la fiducia sulla legge di Bilancio sarà votata in Aula domani pomeriggio. La prima chiama sarà a partire dalle 14.30. 

A chiedere di accelerare l'iter era stato già in mattinata il Pd. "La nostra richiesta è quella di un passaggio più rapido e quindi che il testo arrivi già domani in Aula. Chiederemo di fare il più presto possibile", ha dichiarato Giorgio Santini, capigruppo Pd in commissione Bilancio del Senato.

"Tecnicamente - ha aggiunto - se non presentano emendamenti basta un voto in Aula anche senza fiducia". Adesso sarà la conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama, convocata alle 13, a stabilire tempi e modi di approvazione della manovra.

M5S: SCONGELIAMO RENZI. E sul nodo manovra arriva anche il parere di Vito Crimi. "Aspettiamo l'esito della commissione, se la legge di Bilancio dovesse essere blindata e il Governo non dovesse consentire nessuna modifica mettendo la fiducia, prima scongeliamo questo Governo e se ne va a casa, meglio è. Scongeliamo il più presto possibile Renzi", ha detto il senatore M5S ai giornalisti in Senato.

I COLLOQUI CON MATTARELLA. Ieri pomeriggio il premier è salito al Quirinale dopo il Consiglio dei Ministri. Tutto come da copione, ma senza portare in tasca la lettera di dimissioni. A Mattarella ha solo "manifestato l'intento di rassegnare le dimissioni", si legge in un comunicato della Presidenza della Repubblica.
Il capo dello Stato, riferisce ancora la nota, "considerata la necessità di completare l'iter parlamentare di approvazione della legge di bilancio onde scongiurare i rischi di esercizio provvisorio, ha chiesto al Presidente del Consiglio di soprassedere alle dimissioni per presentarle al compimento di tale adempimento". Tutto rimandato quindi con Mattarella che con l'attività "di esortazione e di suggerimenti" attraverso "la persuasione senza proclami" è riuscito a far riflettere Renzi per il bene del Paese.

Il cambio di rotta del presidente del Consiglio si capisce già nella tarda mattinata di ieri, quando sale al Colle per un incontro informale con Mattarella.  Un'ora di colloquio, poi direzione Palazzo Chigi e il silenzio. A parlare è il capo dello Stato nelle cui mani da ieri sera sono custodite le sorti del Paese, con relative decisioni su strategie da prendere. "L'alta affluenza al voto, registratasi nel referendum di ieri, è la testimonianza di una democrazia solida, di un Paese appassionato, capace di partecipazione attiva" scrive l'inquilino del Quirinale in una nota. Poi l'ufficializzazione della sua posizione dopo aver parlato con il premier: "Vi sono di fronte a noi impegni e scadenze di cui le istituzioni dovranno assicurare in ogni caso il rispetto, garantendo risposte all'altezza dei problemi del momento".  Non serve leggere tra le righe, il riferimento è la legge di Bilancio che deve essere approvata in un  "clima politico, pur nella necessaria dialettica"  improntato sulla "serenità e rispetto reciproco". Tutto chiaro, anzi chiarissimo. Dal Senato fonti accreditate confermano l'accelerata sull'ex finanziaria, con il Cdm che nel pomeriggio autorizza il ministro Maria Elena Boschi a porre la fiducia sul provvedimento.  Domani la conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama scandirà il timing, consapevole che il Senato ha tempi più rapidi.

LE CONSULTAZIONI. Se tutto dovesse andare come stabilito nelle silenziose stanze del Quirinale le consultazioni potrebbero già iniziare venerdì. Due, tre giorni e poi il nome del premier incaricato sarà svelato. I nomi più gettonati sono quelli di Pier Carlo Padoan e di Pietro Grasso, ma salgono le quotazioni anche di Dario Franceschini e del fedelissimo Graziano Delrio.
Non è esclusa la sorpresa dell'ultima ora, una carta coperta svelata solo a Mattarella.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Viminale. Riunione del Comitato per l'Ordine e la sicurezza

Barcellona, Minniti: "In Italia attenzione a obiettivi a rischio"

Il ministro dell'Interno invita a tenere alta l'allerta su alcuni luoghi sensibili nel Paese

Regeni, 4 settembre informativa governo su rapporti Italia-Egitto

Regeni, a settembre governo informerà su rapporti con Egitto

Sinistra Italiana attacca: "E' urgente, rinvio è inaccettabile"

Salvini al Palasport di Ponte di Legno per il tradizionale comizio di Ferragosto

Lega, Salvini a Ponte Legno e Bossi a Pontida 'separati in casa'

Salvini e Bossi: una distanza non solo logistica ma soprattutto politica: Salvini alle prossime elezioni nazionali potrebbe presentare una nuova Lega a vocazione nazionale

Viminale. Riunione del Comitato per l'Ordine e la sicurezza

Minniti: "Gestire flussi migratori. Vedo luce in fondo a tunnel"

Il resconto del ministro degli Interni a Ferragosto. E sulle Ong: "Rispettiamo chi non ha firmato il codice"