Venerdì 08 Aprile 2016 - 18:00

Massimo Ciancimino: Bruno Vespa va cacciato

"Ha fatto una marchetta alla famiglia Riina, va cacciato dalla Rai" dice il figlio di Vito

Massimo Ciancimino

Vespa? Ha fatto una marchetta alla famiglia Riina, va cacciato dalla Rai". Lo dice Massimo Ciancimino, figlio di Vito Ciancimino, ex sindaco mafioso di Palermo, a La Zanzara su Radio 24. "In realtà - dice Ciancimino - andava mandato via fin dal tempo del contratto con gli italiani di Berlusconi. E non è il primo pregiudicato che ospita". "Giusto inseguire lo share - spiega Ciancimino - ma l'intervista era registrata. Mi sono sempre confrontato in diretta televisiva, a viso aperto, prendendo le distanze da mio padre mafioso, anzi parlandone male. Ho attaccato l'operato di mio padre Vito".

"E poi - dice ancora a La Zanzara -  sono stato massacrato dalle domande dei giornalisti, con il figlio di Riina ci voleva il contraddittorio". Ma hai visto l'intervista?: "Per non aumentare lo share l'ho vista dopo, soprattutto perché Vespa mi ha accostato ai Casamonica". "Vespa - dice Ciancimino - non è riuscito a fare una domanda vera, quando lui ha detto che era al mare quando c'è stata la strage di Capaci perché non gli ha chiesto dove, può essere importante".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, arrestato rapinatore seriale grazie al software 'key crime'

Milano, arrestato rapinatore seriale grazie al software 'key crime'

Almeno 15 colpi messi a segno, soprattutto a danno di farmacie

Campania, traffico di droga e rapine: 62 indagati

Campania, traffico di droga e rapine: 62 indagati

Sgominati 5 gruppi criminali tra Salernitano e Napoletano

Canton Ticino dice sì a limitazioni per lavoratori frontalieri

Dal Canton Ticino freno a italiani: limitazioni per i frontalieri

Gentiloni commenta l'esito del referendum: "A rischio rapporti con l'Ue senza libera circolazione"

Morandi 'casalingo' dopo polemiche su spesa di domenica: Non mi muovo

Morandi 'casalingo' dopo polemiche su spesa di domenica

Una settimana fa la pioggia di critiche su Facebook