Venerdì 08 Aprile 2016 - 18:00

Massimo Ciancimino: Bruno Vespa va cacciato

"Ha fatto una marchetta alla famiglia Riina, va cacciato dalla Rai" dice il figlio di Vito

Massimo Ciancimino

Vespa? Ha fatto una marchetta alla famiglia Riina, va cacciato dalla Rai". Lo dice Massimo Ciancimino, figlio di Vito Ciancimino, ex sindaco mafioso di Palermo, a La Zanzara su Radio 24. "In realtà - dice Ciancimino - andava mandato via fin dal tempo del contratto con gli italiani di Berlusconi. E non è il primo pregiudicato che ospita". "Giusto inseguire lo share - spiega Ciancimino - ma l'intervista era registrata. Mi sono sempre confrontato in diretta televisiva, a viso aperto, prendendo le distanze da mio padre mafioso, anzi parlandone male. Ho attaccato l'operato di mio padre Vito".

"E poi - dice ancora a La Zanzara -  sono stato massacrato dalle domande dei giornalisti, con il figlio di Riina ci voleva il contraddittorio". Ma hai visto l'intervista?: "Per non aumentare lo share l'ho vista dopo, soprattutto perché Vespa mi ha accostato ai Casamonica". "Vespa - dice Ciancimino - non è riuscito a fare una domanda vera, quando lui ha detto che era al mare quando c'è stata la strage di Capaci perché non gli ha chiesto dove, può essere importante".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

IL PRELIEVO AL BANCOMAT

La crisi spaventa: il denaro non circola, 38 miliardi di riserve in più

I cittadini accumulano per timore di nuove tasse, le imprese non investono perché non hanno fiducia nel futuro

Belgio, insetti da mangiare

Insetti a tavola dal 1 gennaio, più di 1 italiano su 2 è contrario

La maggior parte dei nuovi prodotti proviene da Paesi come la Cina o la Thailandia da anni ai vertici delle classifiche per numero di allarmi alimentari

Maltempo ponte della Liberazione - Nebbia al Passo del Tonale

Nuvole e temperature in calo: il meteo del 21 e del 22 ottobre

Le previsioni per sabato e domenica: il freddo inizia ad arrivare

A customer walks out of a KFC restaurant in Shanghai

Kfc e la lotta alla fame: dona il pollo fritto ai poveri

Il fast food, in collaborazione col Banco Aliminetare, è il primo a non buttare le eccedenze