Giovedì 21 Luglio 2016 - 14:15

Massacro alla Diaz, pm Zucca: Lo rivedo nella Turchia di Erdogan

Intervista al magistrato che ha condotto le inchieste e i processi sui fatti di quindici anni fa

Massacro alla Diaz, pm Zucca: Lo rivedo nella Turchia di Erdogan

La sera del 21 luglio 2001, al termine delle manifestazioni contro il G8 di Genova, la polizia fece irruzione nella scuola Diaz, sede del Genoa Social Forum. Il blitz terminò con oltre 60 feriti e 93 arresti. Enrico Zucca è il pm che ha condotto le inchieste e i processi sui fatti di quel luglio incandescente. Ed è il magistrato che denunciò la difficoltà di individuare i diretti responsabili e la mancata cooperazione da parte della polizia.

Dottor Zucca, quindici anni dopo cosa è stata la Diaz?
La Diaz è stato un orrore, che oggi viene ricordato sinistramente dalle immagini che arrivano dalla Turchia. Quella palestra con i corpi nudi ammassati degli arrestati nelle purghe del dopo golpe non possono che far tornare alla mente le immagini della palestra della scuola di Genova. L'accostamento potrebbe sembrare una provocazione, ma così non è: l'indignazione deve essere eguale.

La Corte di Strasburgo, in riferimento ai fatti della Diaz, nel 2015 ha condannato l'Italia per l'assenza di una legge adeguata per punire il reato di tortura. Un traguardo che non è stato ancora raggiunto.
Questo anniversario viene, infatti, celebrato dalla sospensione del faticoso dibattito parlamentare sull'introduzione del reato di tortura. "C'è il terrorismo", dice quella parte politica che ha promosso questa battuta d'arresto. Invece, proprio nella lotta al terrorismo, che minaccia le nostre vite, non dobbiamo abbandonare i nostri principi di civiltà. È inspiegabile come un Parlamento non riesca a coagulare una maggioranza traversale su questo argomento. Questa sospensione segna con pervicacia la messa in discussione di quanto ha stabilito nel 2015 dalla Corte europea dei diritti umani, che oltre ad aver qualificato quell'irruzione delle forze dell'ordine come 'tortura', ha condannato l'Italia non solo per il pestaggio subito da uno dei manifestanti (Arnaldo Cestaro, l'autore del ricorso) ma anche perché, appunto, non ha una legislazione adeguata.

Pensa sia solo una questione di strumenti legislativi?
 In Turchia esiste il reato di tortura e i numeri identificati per l poliziotti, ciò dimostra che il problema non è solo questo. Il problema è se crediamo ancora nei valori della democrazia occidentale. E se vogliamo metterli in pratica. Non è solo una questione di strumenti.
 

LEGGI ANCHE G8 Genova, 15 anni fa moriva Giuliani. Il giorno dopo la Diaz

Scritto da 
  • Mauro Ravarino
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ostia - Controlli e perquisizioni delle forze dell'ordine

Ostia, arrestati per corruzione dirigente del municipio e due imprenditori

Contestati anche i reati di abuso d'ufficio e falsità ideologica

Parma, l'Ospedale Maggiore dove è morto Toto Riina

Milano, due fermati per l'omicidio dell'ex calciatore La Rosa: sono madre e figlio

Si tratta di uomo e una donna ritenuti responsabili anche della soppressione del cadavere. La vittima era scomparsa un mese fa

Caserta, sei stanze della Reggia sequestrate dopo crollo intonaco

Domenica scorsa crollata una parte dell'intonaco del soffitto settecentesco, senza causare feriti