Giovedì 02 Novembre 2017 - 14:00

Massa, uccide il fratello per una contesa sulla villa Massoni

Lo ha investito con un furgoncino nel giardino della proprietà. La struttura è ora sotto sequestro

Sarebbe da ricercare nella contesa su cosa fare di villa Massoni, a Massa, il motivo per cui ieri pomeriggio il docente di psicologia dell'università Bicocca di Milano Marco Casonato, 62 anni, ha ucciso il fratello Piero Alessandro Casonato, 59 anni, medico del lavoro, investendolo con un furgoncino nel giardino della proprietà.

Marco Casonato, che dopo aver investito il fratello ha chiamato i carabinieri per costituirsi, era il custode giudiziario della villa, risalente al Seicento, e che da tempo versa in condizioni di degrado, tanto che c'erano state anche proteste degli abitanti del luogo e del comune, nonché l'intervento della sovrintendenza ai beni storici che aveva sollecitato lavori di recupero.

Secondo quanto si è appreso, da tempo i due fratelli sarebbero stati in lite per la villa di proprietà di entrambi. Ieri, intorno alle 16 c'è stato l'ultimo e fatale episodio di scontro per i lavori di ristrutturazione che sarebbero stati richiesti solo da Marco Casonato e osteggiati invece da Piero.

Villa Massoni, di proprietà dei Casonato dal 1920, quando Giannina Massoni sposa Mario Casonato, fu sottoposta a sequestro nel giugno del 2015 dalla Procura di Massa Carrara che aprì un fascicolo a carico dei fratelli Casonato, con l'accusa di danneggiamento al patrimonio archeologico, storico e artistico nazionale, come previsto dell'articolo 733 del codice penale. Il processo a carico dei due fratelli è iniziato lo scorso 4 ottobre.

La Procura di Massa Carrara, come ha spiegato oggi il procuratore Aldo Giubilaro, adesso sta provvedendo alla nomina di un altro custode giudiziario per Villa Massoni, che rimane sotto sequestro. Giubilaro ha confermato "la situazione di contrasto tra i due fratelli per la gestione dell'immobile, acutizzata in queste settimane dal processo che i due stavano affrontando".

Intanto l'avvocato Walter Matarocci, difensore di Marco Casonato, ha dichiarato che "Il professor Marco Casonato ieri sera era sotto choc, molto confuso e provato, non aveva realizzato neanche che il fratello fosse morto" e che "sulla dinamica è ancora tutto da chiarire: aspettiamo l'autopsia".

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Meningite: l'ospedale Meyer di Firenze

Firenze, muore di meningite un neonato di due mesi

Un caso raro ma possibile: lo streptococco gli è stato passato dalla madre al momento della nascita

"Negro di m...": spari contro migrante in una parrocchia a Pistoia

La denuncia di don Massimo Biancalani, parroco di Vicofaro

Firenze, prete arrestato per violenza su una una bambina di 10 anni. "Pensavo fosse più grande"

Don Glaentzer, sorpreso in auto con la bimba, ha ammesso di aver avuto altri incontri sostenendo che sarebbe stata sempre la minorenne "a prendere l'iniziativa"

The Disgruntled Childhood Report

Firenze, arresti e denunce per pedofilia su Fb, coinvolto aspirante diacono

Pensionati, disoccupati e uno studente nella rete. Perquisizioni in diverse regioni