Sabato 11 Marzo 2017 - 14:15

Renzi al Lingotto, Martina: Noi siamo il Pd, non torniamo indietro

Secondo giorno della kermesse renziana a Torino

Martina: Noi siamo il Pd e non torniamo indietro. Boschi: Renzi? In grandissima forma

"Siamo il Partito democratico e non torniamo indietro". Standing ovation al Lingotto per il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina. La platea, che lo ha applaudito più volte con calore, si è alzata in piedi al termine del suo discorso per la campagna congressuale di Matteo Renzi. "Il Pd oggi non è solo nostro, non è solo degli iscritti e degli elettori, il Pd è un patrimonio del Paese e bisogna esserne consapevoli", ha ammonito Martina, "ecco perchè indebolirlo è grave errore. E voglio dirlo a chi è uscito: senza questa comunità non c'è futuro, senza Pd non si battono le destre, e vorrei dire anche che non abbiamo l'ansia dell'autosufficeineza, abbiamo l'ansia dell'apertura e del rinnovamento". Alla kermesse anche la fedelissima dell'ex premier, Maria Elena Boschi, arrivata oggi a Torino: "Avevamo il Consiglio dei ministri, ma ho ascoltato Renzi in differita. L'ho trovato in grandissima forma e soprattutto circondato da tanto affetto e da tantissime persone che si sono trovate qui per ripartire insieme. Dieci anni fa qui è nato il Pd e da qui ripartiamo. Si torna a casa per ripartire tutti insieme". Alla kermesse renziana è intervenuto anche il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino: "Dico a chi parla di PdR come Partito democratico di Renzi che questa è una grande forza, perché con l'identificazione tra Pd e PdR si è creato un bene per il partito, cioè un'identità riformatrice. Attenzione, però, che se non è investita diventa autoreferenzialità". 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Piazza Montecitorio - Manifestazione del M5S contro il Rosatellum

M5S, Morra: "Alleanze? Chi vuole combattere per nostro programma ben venga"

Il senatore commenta le parole di Beppe Grillo e ribadisce la linea di Di Maio, senza escludere dunque apporti esterni dopo il voto

Liliana Segre, reduce di Auschwitz

Chi è Liliana Segre, sopravvissuta all'Olocausto e nuova senatrice a vita

Vittima delle leggi razziali del fascismo, il 30 gennaio 1944 venne deportata con il padre in Germania e poi al campo di concentramento di Birkenau-Auschwitz

Porta a porta, ospiti Danilo Toninelli e Matteo Orfini

Pd, Orfini: "LeU? Evitiamo scenari confusi alla D'Alema. No larghe intese"

Per il presidente del Partito democratico Renzi è la prima scelta per palazzo Chigi, senza escluderne però altri. E l'obiettivo da raggiungere alle urne è il 25%

Milano, convegno "Fare pace è un'impresa"

Olocausto, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Sopravvissuta ai campi di concentramento, ha ricevuto la carica per il suo impegno nel campo sociale