Giovedì 03 Marzo 2016 - 16:45

Marocco, cellula Isis smantellata a febbraio aveva arma biologica

Ministero dell'Interno: "Basta una quantità minima della sostanza per uccidere un uomo"

Marocco, cellula Isis smantellata a febbraio aveva arma biologica

L'ultima cellula terroristica legata allo Stato islamico smantellata in Marocco lo scorso 18 febbraio aveva a disposizione una "pericolosa arma biologica". Lo riferisce il ministero dell'Interno marocchino, che però nella nota non comunica né il nome né la quantità della sostanza, limitandosi ad aggiungere che è stata ritrovata in un nascondiglio del gruppo ad Al Yadida, 200 chilometri a sud di Rabat. La pericolosità di questa sostanza è tale che "basta una quantità minima per alterare il sistema nervoso umano e causare la morte" di una persona, spiega ancora il ministero.

I 10 sospetti arrestati, fra i quali ci sono un francese convertito all'islam e un minorenne che presumibilmente doveva diventare un kamikaze, avevano utilizzato questa sostanza per fabbricare un composto che avevano intenzione di utilizzare per i "loro progetti terroristici nel Paese".

Dalle informazioni emerse sulla cellula si evince fra i possibili obiettivi c'erano il Parlamento, il centro commerciale 'Morocco Mall' che è il più grande del Paese e due hotel di Essaouira, nonché il principale gruppo dei fosfati del Paese.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Catalogna, Puigdemont sospende l'indipendenza e apre ai negoziati Madrid

Catalogna, carcere ai leader indipendentisti Sanchez e Cuixart

Puigdemont: Sono detenuti politici. Il governatore glissa su indipendenza, ma Rajoy non ci sta

Malta, giornalista uccisa in esplosione auto. Premier: Voglio giustizia

Stava guidando verso Mosta quando l'auto è esplosa, la donna è morta sul colpo

Iraq, le forze di Baghdad prendono il controllo di Kirkuk: via bandiera curda

Iraq, le forze di Baghdad prendono il controllo di Kirkuk: via bandiera curda

I peshmerga: "Il governo pagherà un prezzo alto per aver fatto la guerra al nostro popolo"

Madrid, udienza per il comandante dei Mossos d'Esquadra catalani

Catalogna, procura chiede il carcere per il capo dei Mossos d'Esquadra

Josep Lluis Trapero è indagato per sedizione assieme all'intendente Teresa Laplana