Mercoledì 28 Settembre 2016 - 12:30

Marò, Corte indiana: Latorre starà in Italia durante l'arbitrato

Entrambi i fucilieri di marina posso rimanere con le proprie famiglie, soddisfazione della Farnesina

Marò, la Corte indiana ha deciso: Latorre starà in Italia durante arbitrato

Il fuciliere di Marina Massimiliano Latorre resterà in Italia. La Corte suprema indiana ha deciso oggi di concedere al marò, come richiesto dall'Italia, il diritto a restare in patria fino alla conclusione del procedimento arbitrale. L'India ha così applicato anche a Latorre la decisione del 29 aprile scorso del Tribunale arbitrale dell'Aja, che si era espresso in tal senso per l'altro marò, Salvatore Girone. Latorre potrà quindi rimanere accanto alla propria famiglia, dopo aver subito due anni fa un ictus a Nuova Delhi. "Si tratta di un passaggio importante che riconosce l'impegno intrapreso dal governo italiano con il ricorso all'arbitrato internazionale per fare valere le ragioni dei nostri due Fucilieri di Marina", sottolinea con soddisfazione la Farnesina, "con identico impegno l'Italia affronterà i prossimi passaggi del procedimento arbitrale, che entra ora nel merito del caso della Enrica Lexie". 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

E' morto Cino Tortorella, il celebre Mago Zurlì: aveva 89 anni

E' morto Cino Tortorella, il celebre Mago Zurlì: aveva 89 anni

A dare la notizia un portavoce del Teatro Antoniano di Bologna

Consip, interdizione azienda Romeo: legali ricusano il giudice

Consip, interdizione azienda Romeo: legali ricusano il giudice

Avrebbe violato la legge 231 sulla responsabilità degli enti

Perugia, scoperta una cellula terroristica online: 4 arresti

Perugia, scoperta una cellula terroristica online: 4 arresti

"Facevano proselitismo sul web, con centinaia di post"

Taxi, Governo presenta bozza decreto. Sindacati spaccati su sciopero

Taxi, presentata bozza decreto. Sindacati spaccati su sciopero

Nel frattempo il tribunale di Torino conferma il blocco per UberPop