Mercoledì 28 Settembre 2016 - 12:30

Marò, Corte indiana: Latorre starà in Italia durante l'arbitrato

Entrambi i fucilieri di marina posso rimanere con le proprie famiglie, soddisfazione della Farnesina

Marò, la Corte indiana ha deciso: Latorre starà in Italia durante arbitrato

Il fuciliere di Marina Massimiliano Latorre resterà in Italia. La Corte suprema indiana ha deciso oggi di concedere al marò, come richiesto dall'Italia, il diritto a restare in patria fino alla conclusione del procedimento arbitrale. L'India ha così applicato anche a Latorre la decisione del 29 aprile scorso del Tribunale arbitrale dell'Aja, che si era espresso in tal senso per l'altro marò, Salvatore Girone. Latorre potrà quindi rimanere accanto alla propria famiglia, dopo aver subito due anni fa un ictus a Nuova Delhi. "Si tratta di un passaggio importante che riconosce l'impegno intrapreso dal governo italiano con il ricorso all'arbitrato internazionale per fare valere le ragioni dei nostri due Fucilieri di Marina", sottolinea con soddisfazione la Farnesina, "con identico impegno l'Italia affronterà i prossimi passaggi del procedimento arbitrale, che entra ora nel merito del caso della Enrica Lexie". 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Operazione di salvataggio di 433 migranti al largo della costa libica

Tratta migranti: una vittima su 4 è bambino o adolescente

Sono 63.251 i casi di tratta e sfruttamento, di cui 17.710 riguardano minori, con una larga prevalenza di femmine

Canale di Sicilia: la nave della Marina Militare "Fulgosi" in soccorso ai migranti

Cipro, fermata nave anti-Ong per traffico esseri umani

Arrestati il capitano e l'equipaggio della nave C-Star, noleggiata dall'associazione di attivisti di estrema destra Defend Europe

Travolge una moto dopo una lite in strada, la folle corsa dell’elettricista accecato dall’ira.

Istat, diminuiscono le vittime della strada: giovani i più colpiti

In Italia e in Europa il numero dei morti sulla strada diminuisce: il cellulare alla guida e l'alta velocità sono le violazioni più sanzionate