Domenica 09 Ottobre 2016 - 14:45

Marino: Non sono caduto per magistratura ma per Orfini

"Renzi è stato mal consigliato, non ha mai dialogato con me"

Marino: Non sono caduto per magistrura ma per volontà di Orfini

"E' stato un anno duro, in cui mi sono sentito ferito e offeso. Per me conta l'onorabilità. Mi hanno mosso accuse violente. Le forze politiche hanno organizzato uno sbeffeggio a mio danno". Così l'ex sindaco di Roma, Ignazio Marino, a 'In 1/2' di Lucia Annunziata dopo la sentenza di assoluzione.

Marino ha spiegato: "Non sono caduto per la magistratura, ho dovuto lasciare perché Orfini ha convocato gli assessori, che secondo la legge sono scelti dal sindaco, e gli ha chiesto di andare dal notaio. Così sono stati violentati i romani".  E ha aggiunto. "Orfini ha portato i municipi di Roma alla disfatta più grande della sinistra. E' rimasto attaccato con l'Attak alla poltrona non avendo mai amministrato nulla". 

"Renzi ha allontanato un sindaco che stava facendo quello per cui lui all'inizio era piaciuto al Paese. Io credo che Renzi, scaltro e intelligente, abbia zero informazioni su Roma e sia stato molto mal consigliato. In un dialogo con me avrebbe capito e sarebbe stato uno dei miei più grandi sostenitori". 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Milano, Salvini al Gazebo della Lega per votare  il contratto di governo con M5s

Genova, la promessa di Salvini: "Nella prossima manovra soldi per messa in sicurezza del Paese"

Il ministro dell'Interno assicura: "Faremo una radiografia dell'Italia che soffre, bisogna intervenire prima"

Genova, Conte: "Revoca concessione ad Autostrade. Stato di emergenza per 12 mesi e 5 miliardi"

Anche Toninelli e Di Maio contro la società: "Vertici si dimettano, multe da 150 milioni". La replica: "Monitoraggio ogni 3 mesi. Dimostreremo adempimenti"

Genova, da Baroni (M5S) tweet contro grandi opere, poi lo rimuove. Web insorge: "Sciacallo"

Bufera sul deputato pentastellato. Pd: "Usa la sciagura per fare propaganda"

Vertice tra i 'big' del governo: "Impegno su debito". Scende lo spread

Telefonata tra Conte, Di Maio, Salvini e Tria. Il differenziale Btp-Bund in calo dopo aver toccato quota 278 punti base