Domenica 09 Ottobre 2016 - 14:45

Marino: Non sono caduto per magistratura ma per Orfini

"Renzi è stato mal consigliato, non ha mai dialogato con me"

Marino: Non sono caduto per magistrura ma per volontà di Orfini

"E' stato un anno duro, in cui mi sono sentito ferito e offeso. Per me conta l'onorabilità. Mi hanno mosso accuse violente. Le forze politiche hanno organizzato uno sbeffeggio a mio danno". Così l'ex sindaco di Roma, Ignazio Marino, a 'In 1/2' di Lucia Annunziata dopo la sentenza di assoluzione.

Marino ha spiegato: "Non sono caduto per la magistratura, ho dovuto lasciare perché Orfini ha convocato gli assessori, che secondo la legge sono scelti dal sindaco, e gli ha chiesto di andare dal notaio. Così sono stati violentati i romani".  E ha aggiunto. "Orfini ha portato i municipi di Roma alla disfatta più grande della sinistra. E' rimasto attaccato con l'Attak alla poltrona non avendo mai amministrato nulla". 

"Renzi ha allontanato un sindaco che stava facendo quello per cui lui all'inizio era piaciuto al Paese. Io credo che Renzi, scaltro e intelligente, abbia zero informazioni su Roma e sia stato molto mal consigliato. In un dialogo con me avrebbe capito e sarebbe stato uno dei miei più grandi sostenitori". 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Consip, Renzi: Voglio sentenza veloce, non cediamo parola onestà

Consip, Renzi: Voglio sentenza veloce, non cediamo parola onestà

"Gli altri politici quando hanno un problema lo nascondono"

Migranti, Corte Conti Ue: In Italia strutture inadeguate

Migranti, Corte Conti Ue: In Italia strutture inadeguate

"Il sistema basato su hotspot ha consentito progressi"

Divisioni nel giorno del 25 aprile, Mattarella: Mai più fascismo e mai più guerre

25 aprile, Mattarella: Ricordiamo senza odio e senza rancore /FOTO

A Roma il ricordo della Liberazione sfila in cortei divisi. A Milano tensioni tra antifascisti e militanti di destra

Liberazione, Mattarella ricorda i 5mila volontari della Brigata Ebraica

Liberazione, Mattarella ricorda i 5mila volontari della Brigata Ebraica

Nel corso delle celebrazioni del 25 aprile nel teatro comunale di Carpi