Domenica 09 Ottobre 2016 - 14:45

Marino: Non sono caduto per magistratura ma per Orfini

"Renzi è stato mal consigliato, non ha mai dialogato con me"

Marino: Non sono caduto per magistrura ma per volontà di Orfini

"E' stato un anno duro, in cui mi sono sentito ferito e offeso. Per me conta l'onorabilità. Mi hanno mosso accuse violente. Le forze politiche hanno organizzato uno sbeffeggio a mio danno". Così l'ex sindaco di Roma, Ignazio Marino, a 'In 1/2' di Lucia Annunziata dopo la sentenza di assoluzione.

Marino ha spiegato: "Non sono caduto per la magistratura, ho dovuto lasciare perché Orfini ha convocato gli assessori, che secondo la legge sono scelti dal sindaco, e gli ha chiesto di andare dal notaio. Così sono stati violentati i romani".  E ha aggiunto. "Orfini ha portato i municipi di Roma alla disfatta più grande della sinistra. E' rimasto attaccato con l'Attak alla poltrona non avendo mai amministrato nulla". 

"Renzi ha allontanato un sindaco che stava facendo quello per cui lui all'inizio era piaciuto al Paese. Io credo che Renzi, scaltro e intelligente, abbia zero informazioni su Roma e sia stato molto mal consigliato. In un dialogo con me avrebbe capito e sarebbe stato uno dei miei più grandi sostenitori". 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

M5S, Masciari: "Denunciare i boss non è bastato. Mia fedina pulita"

Intervista all'imprenditore calabrese e testimone di giustizia che ha denunciato il racket e ora candidato

Napoli, il leader del Movimento Cinque Stelle Luigi Di Maio al Teatro Sannazzaro

Rimborsi M5S, Le Iene rivelano altri tre nomi. Della Valle: "Taroccavo i bonifici con Photoshop"

I pentastellati coinvolti sarebbero: Cariello, Scagliusi e Dieni. La Dieni: "Falso. Ho versato fino all'ultimo euro"

Rimborsi M5S, Sarti si autospende. Interrogato l'ex De Girolamo

La decisione della deputata pentastellata: "Tutto dovrà essere chiarito nelle sedi opportune"

Leu, Boldrini con la maglietta canadese: "Je parle féministe"

La Presidente a Brescia per un’iniziativa di Liberi e Uguali sulla condizione delle donne in Italia