Sabato 27 Agosto 2016 - 23:30

Marchionne per il 'sì' al referendum sulle riforme

Il monito dell'ad di Fca: Profitto va unito a responsabilità morale

Sergio Marchionne

"Marchionne è per il sì" e "non voglio giudicare se la soluzione è perfetta, ma è una mossa nella direzione giusta". Così l'amministratore delegato di Fca, Sergio Marchionne, arrivando alla premiazione del Rotman European Trading Competition alla Luiss, risponde ai cronisti che gli chiedono se è a favore del referendum sulle riforme. E aggiunge: "L'unica cosa che interessa all'azienda è la stabilità del sistema". Il ceo di Fca ha poi criticato il sistema spiegando che  "il perseguimento del mero profitto scevro da responsabilità morale non ci priva solo della nostra umanità ma mette a repentaglio anche la nostra prosperità a lungo termine. Per questo sono convinto che ci troviamo a un bivio cruciale. Creare le condizioni per un cambiamento virtuoso e la sfida del nostro tempo". "Gli eventi e la storia - ha aggiunto - hanno dimostrato che ci reggevamo su un sistema di governance del tutto inadeguato, soprattutto hanno evidenziato la necessità di ripensare il ruolo del capitalismo stesso e di stabilire quale è il corretto contesto dei mercati. Sono una struttura che disciplina le economie, non la società". 

 

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Mark Fields lascia la carica di ceo

Ford, Mark Fields lascia la carica: James Hakett nuovo ceo

Fields ha deciso di ritirarsi da Ford sopo una carriera di successo

Patto Parigi-Berlino per rafforzare Eurozona: idee entro luglio

Patto Parigi-Berlino per rafforzare Eurozona: idee entro luglio

Gruppo di lavoro lanciato dal ministro Schaeuble con l'omologo Le Maire

L'Ue grazia l'Italia: Ok a manovra di correzione, reintrodurre Imu per redditi alti

Ue all'Italia: Ok a manovrina, reintrodurre Imu per redditi alti

Ma il ministro Padoan replica: "Non è una buona idea apportare modifiche su una tassa appena cambiata"

Pil aumenta +1% ma crescita Italia resta inferiore rispetto Ue

Pil aumenta +1% ma crescita Italia resta indietro rispetto Ue

Il rapporto Istat registra per il 2017 un livello di disoccupazione di 11,5%, +0,7% unità di lavoro