Mercoledì 16 Novembre 2016 - 15:45

Alt Ue all'Italia: rischia di non rispettare Patto stabilità

Per la Commissione Ue altri 5 Paesi condividono il rischio. Ma Moscovici: "Terremo conto di sisma e migranti"

Manovra, l'alt di Bruxelles: L'Italia rischia di non rispettare il Patto di stabilità

L'Italia è "a rischio" di non rispetto delle regole sul deficit del Patto di stabilità e crescita. E' quando scrive la Commissione Ue in una nota, specificando che condividono con l'Italia questo rischio altri cinque Paesi: Belgio, Cipro, Lituania, Slovenia e Finlandia. "Le bozze dei bilanci programmati - si legge nella nota - possono provocare una significativa deviazione dai percorsi di aggiustamento per i rispettivi obiettivi di medio termine". L'Italia e Cipro hanno "differenziali più ampi" sul deficit del previsto rispetto ad altri Paesi ma "per l'Italia ci sono i costi associati al terremoto", con i suoi effetti "molto seri e drammatici" e quelli della "gestione dell'immigrazione" e "prenderemo questo in considerazione". Lo ha detto il vice presidente della Commissione Ue Valdis Dombrovskis nel corso di una conferenza stampa.

"Non abbiamo respinto il bilancio italiano - ha detto il commissario europeo per gli affari economici e monetari Pierre Moscovici  - perché sarebbe stato un gesto grave. Ci sono deviazioni, anche se sono ridotte considerando le spese per i migranti. Il Consiglio europeo sa che sull'Italia cade una responsabilità collettiva e non solo nazionale. E poi abbiamo voluto considerare anche le spese sul terremoto. Questo spiega la nostra conclusione: l'Italia rientra nella categoria 'di rischio' di non conformità. Il dialogo andrà avanti". 

"Vedremo - ha aggiunto - se ci saranno state correzioni che permettono di ridurre ulteriormente la deviazione, per evitare nuove procedure per l'Italia. Il 5 e 6 dicembre sono in programma l'Eurogruppo e l'Econofin, che terranno conto di questi pareri. Poi ci sarà il rapporto", ha concluso. La Commissione specifica che tredici Paesi europei, tra cui l'Italia e la Germania, saranno oggetto di un approfondimento ulteriore a causa del fatto che "sono stati identificati squilibri".I risultati di questi approfondimenti saranno presentati a inizio 2017.

DISCUSSIONE PROSEGUIRA'.  "Quando inizia la discussione, è logico che ogni Paese porti avanti le proprie istanze. Non parliamo di blocchi o veti, la discussione andrà avanti" ha detto il commissario europeo in una intervista a SkyTg24.  "L'idea che abbiamo bisogno di più crescita risponde a un approccio pro-europeo. Io sono d'accordo. Vedremo come trasferirlo nel bilancio ma abbiamo bisogno di idee pro-europee, come quelle che vengono dall'Italia. L'Italia è un Paese fondatore e la terza economia europea, non sarò mai la persona che cerca di opporsi all'Italia in Europa e alla flessibilità" ha concluso.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Banche venete, Padoan: Non abbiamo minato fiducia Unione bancaria

Banche venete, Padoan: Non abbiamo minato fiducia Unione bancaria

"Non ci aspettiamo che altri istituti di credito abbiano bisogno di aiuti"

Banche venete, Bankitalia: Stato potrebbe non perdere un centesimo

Banche venete, Bankitalia: Stato potrebbe non perdere un centesimo

Panetta ha spiegato che nelle ultime settimane un gruppo di fondi aveva espresso interesse per gli istituti

Banche venete, Gentiloni: No regalo a banchieri, è cattiva propaganda

Banche venete, Gentiloni: No regalo a banchieri, è cattiva propaganda

Il presidente di Intesa Sanpaolo Gros-Pietro: "Se fosse vero ci sarebbe distorsione della concorrenza"

Banche venete, Intesa Sp: Contratto annullato se si modifica decreto

Banche venete, Intesa Sp: Se si modifica decreto contratto salta

Ieri il via libera del Cdm al salvataggio di Popolare di Vicenza e Veneto Banca