Martedì 30 Maggio 2017 - 17:45

Manchester sfida paura, torna Ariana Grande in concerto

A 8 giorni dall'attentato la popstar ha deciso di onorare la memoria delle vittime con una manifestazione benefica

Attacco kamikaze all'arena di Manchester dopo concerto di Ariana Grande

La pop star Ariana Grande terrà un concerto benefico a Manchester domenica, per le vittime dell'attentato che domenica scorsa ha causato la morte di 22 persone, tra cui molti bambini. Lo ha annunciato la sua casa discografica, sottolineando che con lei si esibiranno anche Justin Bieber, Katy Perry, Miley Cyrus, i Take That e i Coldplay.

 Il concerto, riferiscono i media britannici, si terrà allo stadio di cricket di Old Trafford, non quello colpito dall'attacco suicida. Lo spettacolo, nello stadio che può ospitare fino a 50mila persone, sarà trasmesso in diretta dall'emittente televisiva e radiofonica Bbc. I guadagni saranno destinati al fondo 'We Love Manchester', che raccoglie denaro a sostegno delle vittime dell'attentato. Grande, che aveva sospeso il suo tour 'Dangerous Woman', aveva promesso di tornare a Manchester. I fan che si trovavano allo show alla Manchester Arena colpita dall'attacco potranno entrare gratuitamente.

Cinquanta dei 116 feriti nell'attacco di Manchester sono ancora in ospedale, 17 dei quali sono in gravi condizioni. Lo rende noto l'autorità sanitaria dell'Inghilterra. 
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Papa dagli Indios in Perù: "Lotto con voi per salvare l'Amazzonia"

Francesco continua il suo viaggio in Sudamerica e incontra i nativi

Trump interviene via video alla marcia anti-aborto a Washington: è la prima volta

Si tratta della prima apparizione pubblica di un presidente alla manifestazione: Reagan e George W. Bush si erano collegati con il corteo ma solo per telefono

Isis, ucciso in Siria il rapper jihadista tedesco Deso Dogg

Nel 2014 la traduttrice dell'Fbi incaricata di controllarlo lo aveva raggiunto nel Paese per sposarlo

Isis, ucciso in Siria il rapper jihadista tedesco Deso Dogg

Nel 2014 la traduttrice dell'Fbi incaricata di controllarlo lo aveva raggiunto nel Paese per sposarlo