Giovedì 06 Ottobre 2016 - 14:00

Mamma giustifica figlia: Non ha studiato, ha diritto di giocare

Fa discutere il comportamento di una mamma milanese che dice basta ai compiti

Mamma giustifica figlia: Non ha studiato perchè ha diritto di giocare

Basta compiti e basta torturare questi bambini dopo che passano 8 ore seduti sui banchi”. Fa discutere la decisione di una mamma milanese, Anna Santoiemma, che ha scritto una giustificazione alla figlia da portare in classe, che ha postato anche su Facebook. “Gentili maestre, Mariasole non ha potuto studiare Storia perchè dopo 8 ore di scuola dalle 17 alle 19.30 ha dedicato il suo tempo libero restante in attività ricreative e sportive”. Sui social è subito partita la discussione, con una spaccatura tra chi supporta la mamma 'liberale' e arriva a dire che, dopo molte più ore trascorse in classe rispetto al passato, i compiti sono diventati “una perdita di tempo, inutile tortura a genitori e bambini”, e i 'tradizionalisti', che accusano di lanciare un “messaggio altamente diseducativo”.

Scritto da 
  • Silvia Caprioglio
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Cucchi, pm: Ucciso da schiaffi, pugni e calci e omissioni medici

Cucchi, pm: Ucciso da schiaffi, pugni e calci e omissioni medici

È quanto si legge nell'avviso di chiusura indagine della procura di Roma firmato da Giuseppe Pignatone e Giovanni Musaro'

Caso Cucchi, chiusa inchiesta bis: omicidio preterintenzionale per 3 carabinieri

Cucchi, tre carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale

Chiusa l'inchiesta bis. La sorella Ilaria: "Bisogna avere fiducia nella giustizia e resistere, resistere, resistere"

Genova brucia ancora: incendi a Nervi, Sant'Ilario e Pegli

Genova brucia ancora: incendi a Nervi, Sant'Ilario e Pegli

La chiusura per motivi di sicurezza interessa l'autostrada nelle zone colpite

L'Italia ancora nella morsa del freddo. Neve e venti forti

L'Italia ancora nella morsa del freddo: neve e venti forti

Nord nel gelo, centro-sud ed Emilia dovranno fare i conti con la neve