Mercoledì 11 Gennaio 2017 - 11:30

Malumori tra M5S in Ue: Affronte lascia e va coi Verdi

Movimento diviso dopo il no dell'Alde e il ritorno con Farage

Malumori tra gli eurodeputati M5S: Affronte lascia e va coi Verdi

L'eurodeputato Marco Affronte lascia l'Efdd di Nigel Farage di cui fa parte il M5S a Bruxelles ed entra nel gruppo al Parlamento europeo 'Verdi-Alleanza Libera Europea'. Non si tratta dell'unico malumore in casa Cinquestelle in Europa in seguito al dietrofront di Beppe Grillo e Davide Casaleggio, tornati sui loro passi dopo il rifiuto opposto da Guy Verhofstadt all'ingresso del Movimento 5 Stelle nell'Alde. Non è un caso che ieri su Twitter si sia pronunciato lo stesso Reinhard Bütikofer, co-presidente del Gruppo Verde/Alleanza libera europea, che ha aperto di fatto la porta ai singoli europarlamentari Cinquestelle. "L'accusa 'I Verdi non ci vogliono' mossa da parte di alcuni deputati M5S non è corretta - ha replicato il membro dei Verdi pubblicando un'immagine con il nome della Cinquestelle Laura Ferrara -. Gli eurodeputati Verdi tedeschi, ad esempio, sono disposti a discutere con ogni eurodeputato che voglia unirsi al nostro gruppo in tutta onestà. C'è rispetto per parecchi deputati del M5S, ma per non Grillo e la sua politica. Ok?". Questa mattina l'annuncio su Facebook dello stesso Affronte: "A partire da oggi entro a far parte, come indipendente, del Gruppo al Parlamento Europeo 'Verdi-Alleanza Libera Europea'. Resterò membro titolare delle Commissioni Pesca e Ambiente (Pech e Envi). Il Gruppo V-Ale conterà così su 51 parlamentari da 18 Paesi diversi". Tra i nomi dei Cinquestelle pronti a lasciare si fa quello di Dario Tamburrano.

LEGGI ANCHE M5S, Grillo: I 250mila euro di multa ad Affronte ai terremotati

"So che c'è del malumore, ma in questi giorni ho pensato solo a me per cercare di fare la scelta più giusta. La cosa che mi fa più male è lasciare i miei compagni che sono persone straordinarie", il commento di Affronte, mentre gli attivisti si spaccano sul web dopo la sua decisione. C'è chi gli ricorda il regolamento e la possibilità di essere giudicato inadempiente. Un altro simpatizzante fa appello al contratto siglato all'atto della candidatura e chiede le sue dimissioni. La maggior parte degli utenti critica la scelta di Affronte, tacciandola di incoerenza. Pochi i commenti solidali. "Mi dispiace, ma hai sottoscritto una promessa all'atto della candidatura e pertanto se decidi di lasciare il Movimento ti devi dimettere", scrive un utente. "Buon viaggio eurodeputato e complimenti per la coerenza e il rispetto per i propri cittadini", replica un altro. E ancora: "Voti per restare in Efdd, poi te ne vai, ovviamente non ti dimetti, e vai nel gruppo che ci ha 'sfanculati'. Spettacolare esercizio di coerenza". Mentre una simpatizzante critica la decisione dei Verdi europei in cui è confluito Affronte: "Quindi i Verdi hanno rifiutato la delegazione del MoVimento 5 Stelle ma i singoli portavoce invece vanno bene".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Palazzo Chigi - Consiglio dei Ministri

Ius soli, Gentiloni riapre partita: Conquista di civiltà. Salvini: Follia

"Diventando cittadini italiani si acquisiscono diritti ma anche doveri", dice il premier. Durissima la risposa della destra

Ministero dell'Interno. Firma del "Patto nazionale per un Islam italiano"

Terrorismo, due marocchini e un siriano espulsi da Italia

Con questi rimpatri, 70 nel solo 2017, salgono a 202 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi

L'Italia piange Bruno e Luca. Mattarella: "Lotta al terrore"

La politica si stringe nel dolore delle famiglie

Roberto Tamagna del Movimento 5 Stelle

Riforma costituzionale M5S: meno parlamentari e stop Cnel

Nel programma Cinquestelle ci sono la riduzione dell'indennità parlamentare e la limitazione dell'immunità penale