Lunedì 30 Maggio 2016 - 18:00

Maltrattamenti a scuola, madre: Mie figlie non dormivano più

Pomeriggio 5 torna sulle violenze ai bambini negli asili: oggi un nuovo caso ad Avellino

Maltrattamenti a scuola, madre: Mie figlie non dormivano più

Pomeriggio 5 torna sulle violenze ai bambini nelle scuole: oggi si fa luce sul caso di una 58enne, insegnante presso una scuola materna di Avellino, accusata di maltrattamenti nei confronti dei bimbi e per questo arrestata.

In diretta a Pomeriggio 5 parla Margherita, madre di due bambine: "Non mi ero accorta di nulla, ad aprirci gli occhi un amichetto  che  ci riportava tutto quello che accadeva. C'è un episodio riguardante mia figlia, non andava in bagno e si provocava il vomito. In ospedale dicevano che aveva un disturbo psicosomatico, dovuto a vergogna di avere in classe una sorellina maldestra. Invece era paura, abbiamo capito che erano punite quando si comportavano male", ha raccontato la donna.

"Le bimbe piangono, fanno la pipì a letto e hanno gli incubi, non riescono a dormire- continua la madre- la maestra non merita questo titolo, ho provato ad affrontarla, ci ha definiti bassa utenza, forse lei è l'alta utenza, che chiamava principesse le bambine e poi le chiudeva in uno stanzino".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Blitz allevatori all'Antitrust per la 'Guerra del latte'

Antitrust, al via al 13mo convegno: tra gli sponsor anche Intesa San Paolo

I lavori saranno aperti il prossimo 24 maggio dal Johannes Laitenberger, direttore generale della concorrenza della Commissione europea e dal presidenye Agcom Giovanni Pitruzzella

Bari, turista americana trovata morta in un b&b con lividi sul collo

Fermo, lite culmina in tragedia: pensionato uccide la moglie con un fucile

Le ha sparato tre colpi al petto, durante un litigio in camera da letto

Francavilla, uomo lancia figlia della convivente dal viadotto della A14 e si suicida

La tragedia del cavalcavia. "Filippone non aveva problemi psichici"

Chieti: tre le vittime della follia dell'uomo: la moglie, la figlia e lui stesso. Molti aspetti ancora da chiarire

Presentazione del progetto " Stradeinfesta "

Roma si mobilita per la Casa delle donne. Raggi: "Non la chiuderemo"

A rischio la storica sede di associazioni dei movimenti femministi in via della Lungara. La consigliera M5S Guerini intenderebbe trasformarla in un centro di coordinamento gestito da Roma Capitale