Lunedì 19 Giugno 2017 - 09:30

Mali, attacco a resort occidentali: 3 morti, liberati i 32 ostaggi

Secondo alcuni testimoni, gli uomini armati che hanno preso d'assalto la struttura avrebbero gridato "Allahu Akbar"

Mali, attacco a resort di lusso a Bamako

Attacco all'interno del resort di lusso Campement Kangaba, alla periferia della capitale del Mali, Bamako. Contattato per telefono dalla testata francese 'Paris Match', un dipendente del villaggio turistico, molto frequentato da occidentali, ha detto che ha sentito gli uomini armati che hanno preso d'assalto la struttura gridare "Allahu Akbar". Le informazioni sono confuse e non si conosce l'identità né il numero preciso degli assalitori e dei morti: il ministero per la Sicurezza parla di due morti, mentre fonti della polizia maliana di tre.

Una coppia di stranieri che si trovava nella hall sarebbe stata subito uccisa. Un altro ospite dell'hotel sarebbe morto davanti al suo bambino di cinque anni. Una delle vittime, da quanto ha confermato il ministero della Sicurezza maliano, è di nazionalità franco gabonese. Anche uno degli aggressori sarebbe morto. Ci sarebbero sette feriti, di cui quattro gravi tra i soldati arrivati subito dopo la prima sparatoria.

Il Campement Kangaba non è un hotel del centro di Bamako, come il Radisson Blu che era stato colpito nel mese di novembre 2015, ma si tratta di una nota località turistica di proprietà dell'imprenditore francese Hervé Depardieu. Tra gli ospiti c'erano anche alcuni soldati in licenza della Minusma, la missione Onu in Mali.

Pare che l'intenzione degli assalitori fosse di prendere ostaggi: non si sa se ne abbiano ancora in mano alcuni, ma almeno una ventina (32 secondo il ministero della Sicurezza) sono stati liberati nel blitz delle forze di sicurezza. Le forze speciali maliane, assistite dai caschi blu di Minusma, hanno accerchiato tutto il perimetro del complesso turistico, mentre gli assalitori hanno cercato rifugio in una collina dietro il resort.

Il Mali di recente è teatro di una campagna di violenza senza precedenti. Dal mese di marzo 2017, il leader del gruppo terrorista Ansar Dine, Iyad Ag Ghaly, che opera nord del Mali, ricercato senza sosta dai militari dell'operazione Barkhane, ha formato un'alleanza con il predicatore Amadou Kufa, attivo nel Mali centrale, e con l'algerino Yeyia Abu Hama (Aqmi). Durante una visita dello scorso maggio a Gao, la principale base militare francese nell'ambito dell'operazione Barkhane, il presidente francese Emmanuel Macron si è impegnato a continuare gli sforzi per combattere il terrorismo in un contesto difficile come quello del Mali.

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Spagna, la policia nacional lascia le città catalane

Barcellona, 34enne italiano morto accoltellato durante una rissa

È deceduto in ospedale, dove era arrivato in stato critico

Isabell e Preble: morire insieme dopo 71 anni di matrimonio

Una storia americana: si sposarono nel 1946, hanno vissuto sempre vicini e se ne sono andati a poche ore di distanza l'uno dall'altra

The Argentine military submarine ARA San Juan and crew are seen leaving the port of Buenos Aires

Sottomarino scomparso: ci fu esplosione in zona ultimo segnale

Un "rumore" era stato registrato circa tre ore dopo l'ultima comunicazione avuta con il mezzo disperso dal 15 novembre

Ratko Mladic

Chi è Ratko Mladic: 'macellaio' di Srebrenica e assedio Sarajevo

L'ex generale è stato condannato per genocidio e crimini contro l'umanità