Mercoledì 06 Settembre 2017 - 15:30

Bimba morta di malaria: parassita è stesso dei fratellini

Resta un caso 'criptico' quello della piccola di Trento. Le ipotesi: una zanzara nascosta in un bagaglio o autoctona / VIDEO

L'Ospedale Civile di Brescia dove è morta la bimba di 4 anni di malaria

Un caso anomalo, raro, eccezionale. Per ora la morte per malaria di Sofia Zago, la bimba di 4 anni di Trento, morta a Brescia, è un enigma medico. Nessuno della famiglia (Sofia è secondogenita di Marco Zago e Francesca Ferro) infatti si è recato all'estero, e quindi viene escluso il contagio avvenuto grazie a qualche viaggio affrontato in paesi a rischio. Si ipotizza un possibile contagio per colpa di qualche zanzara. Ma certo sarebbe il primo caso in Trentino, area non malarica neanche quando la malattia era presente in altre zone italiane.

In relazione alla morte della piccola, la procura di Trento indaga per omicidio colposo. I magistrati di Brescia e Trento, che hanno aperto un fascicolo per ora senza indagati, dovranno accertare come possa essersi sviluppata una malattia che in Italia si è estinta da decenni e che in Trentino non ha mai dato particolari problemi, visto che la bambina in questi mesi non è stata all'estero. Inoltre si dovrà fare luce se nei reparti ospedalieri sono state eseguite tutte le procedure.

Sofia è stata colpita dallo stesso parassita di cui si sono ammalati, e poi guariti, i due fratellini ricoverati a Trento di rientro dal Burkina Faso. Ma la piccola e i due malati non sono mai stati in contatto, le cure sono state effettuate con materiale monouso e non ci sono state trasfusioni. La malaria non è trasmissibile da uomo a uomo e nessun altro paziente ha avuto dei sintomi riconducibili alla malaria.

Oltre ai magistrati, anche i medici stanno studiando il caso, che, se fosse autoctono, sarebbe rarissimo. Le ipotesi al vaglio sono relativa a una possibile zanzara rimasta nascosta nei bagagli dei due fratellini o a una zanzara autoctona. Meno probabile il contatto con i bambini.  

Loading the player...

La bambina è stata colpita da malaria cerebrale, la forma più grave della malattia. Questo tipo aggressivo di morbo viene trasmesso dal Plasmodium Falciparum, la specie più aggressiva di un protozoo parassita trasmesso dalla zanzara Anopheles. La morte, nei casi più gravi, può arrivare entro 24 ore. Sofia è entrata in ospedale a Trento sabato: due giorni prima era stata rimandata a casa dopo essersi presentata in pronto soccorso con febbre alta. La situazione è precipitata in breve tempo: portata in terapia intensiva è stata poi trasferita in elicottero a Brescia. E' morta tra domenica e lunedì.

La ministra della della Salute, Beatrice Lorenzin ha chiesto una relazione all'Assessorato alla salute della Provincia Autonoma e ha inviato un gruppo di esperti per accertare le modalità del contagio. Del gruppo faranno parte anche esperti di malattie infettive e tropicali ed esperti dell'Istituto Zooprofilattico.

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bologna, prete choc su Facebook: "Ha ucciso più Riina o Emma Bonino?"

Don Pieri si scaglia contro l'esponente Radicale per il suo impegno politico e civile per la legge sull'aborto: "Moralmente non c'è differenza"

Terremoto Norcia, l'appello del piccolo Marco: salvate il mio pianoforte

Terremoto, scossa di 4.4 magnitudo in provincia di Parma. Paura ma nessun danno

La terra ha tremato alle 13.37, come fa sapere l'Ingv

Roma, ritrovamento di un cadavere in un sottopasso del Muro Torto

Napoli, sparatoria nel cuore della movida: rissa e colpi in strada, feriti 4 minorenni

In via Carlo Poerio, prima la rissa tra due comitive poi i proiettili che hanno raggiunto i giovanissimi

Papa Francesco all'Udienza Generale del mercoledi' in Piazza San Pietro

Papa: "L'indifferenza verso i poveri è un grande peccato. Dio non è controllore di biglietti non timbrati"

Il Pontefice in occasione della giornata mondiale dei poveri: "Prendersi cura di loro è un dovere evangelico e l'indifferenza è un grande peccato"