Mercoledì 06 Settembre 2017 - 15:30

Bimba morta di malaria: parassita è stesso dei fratellini

Resta un caso 'criptico' quello della piccola di Trento. Le ipotesi: una zanzara nascosta in un bagaglio o autoctona / VIDEO

L'Ospedale Civile di Brescia dove è morta la bimba di 4 anni di malaria

Un caso anomalo, raro, eccezionale. Per ora la morte per malaria di Sofia Zago, la bimba di 4 anni di Trento, morta a Brescia, è un enigma medico. Nessuno della famiglia (Sofia è secondogenita di Marco Zago e Francesca Ferro) infatti si è recato all'estero, e quindi viene escluso il contagio avvenuto grazie a qualche viaggio affrontato in paesi a rischio. Si ipotizza un possibile contagio per colpa di qualche zanzara. Ma certo sarebbe il primo caso in Trentino, area non malarica neanche quando la malattia era presente in altre zone italiane.

In relazione alla morte della piccola, la procura di Trento indaga per omicidio colposo. I magistrati di Brescia e Trento, che hanno aperto un fascicolo per ora senza indagati, dovranno accertare come possa essersi sviluppata una malattia che in Italia si è estinta da decenni e che in Trentino non ha mai dato particolari problemi, visto che la bambina in questi mesi non è stata all'estero. Inoltre si dovrà fare luce se nei reparti ospedalieri sono state eseguite tutte le procedure.

Sofia è stata colpita dallo stesso parassita di cui si sono ammalati, e poi guariti, i due fratellini ricoverati a Trento di rientro dal Burkina Faso. Ma la piccola e i due malati non sono mai stati in contatto, le cure sono state effettuate con materiale monouso e non ci sono state trasfusioni. La malaria non è trasmissibile da uomo a uomo e nessun altro paziente ha avuto dei sintomi riconducibili alla malaria.

Oltre ai magistrati, anche i medici stanno studiando il caso, che, se fosse autoctono, sarebbe rarissimo. Le ipotesi al vaglio sono relativa a una possibile zanzara rimasta nascosta nei bagagli dei due fratellini o a una zanzara autoctona. Meno probabile il contatto con i bambini.  

Loading the player...

La bambina è stata colpita da malaria cerebrale, la forma più grave della malattia. Questo tipo aggressivo di morbo viene trasmesso dal Plasmodium Falciparum, la specie più aggressiva di un protozoo parassita trasmesso dalla zanzara Anopheles. La morte, nei casi più gravi, può arrivare entro 24 ore. Sofia è entrata in ospedale a Trento sabato: due giorni prima era stata rimandata a casa dopo essersi presentata in pronto soccorso con febbre alta. La situazione è precipitata in breve tempo: portata in terapia intensiva è stata poi trasferita in elicottero a Brescia. E' morta tra domenica e lunedì.

La ministra della della Salute, Beatrice Lorenzin ha chiesto una relazione all'Assessorato alla salute della Provincia Autonoma e ha inviato un gruppo di esperti per accertare le modalità del contagio. Del gruppo faranno parte anche esperti di malattie infettive e tropicali ed esperti dell'Istituto Zooprofilattico.

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Nashville sparatoria in un locale

Usa, spari in una scuola in Indiana: due feriti, fermato sospetto

Colpita la Noblesville West Middle School di Indianapolis

Roberto Izzo in aula per deporre durante il processo per la strage di Piazza Loggia

Mostro Circeo, Izzo a pm: "Nel '75 uccidemmo una 17enne veneta"

Ha raccontato ai magistrati la verità su Rossella Corazzin, sparita 43 anni fa dai boschi di Tai di Cadore mentre era in vacanza. Fu violentata da un branco di 10 uomini e poi ammazzata

L'esercito dei bambini scomparsi: in Italia sparisce un minore ogni 48 ore

Nel 2017 il Telefono Azzurro ha gestito 177 casi. Il Lazio la regione più problematica

La polizia di Frontiera Francese continua i controlli alla stazione di Bardonecchia

Migranti, trovato cadavere al confine tra Italia e Francia

Il corpo rinvenuto a Bardonecchia, nei pressi del sentiero montano dell'orrido del Frejus