Venerdì 29 Aprile 2016 - 13:30

Mafia, sequestrato bar davanti Pantheon Falcone: è dei boss

Si tratta del 'Gran Cafè San Domenico' di Palermo

Mafia, sequestrato bar davanti Pantheon Falcone: è dei boss

Un bar gestito da un boss vicino al figlio di Totò Riina di fronte alla chiesa 'pantheon' dove sono custodite anche le spoglie di Giovanni Falcone. E' successo a Palermo, dove la guardia di finanza ha sequestrato il 'Gran Cafè San Domenico' e beni per oltre 15 milioni di euro al boss Francesco Paolo Maniscalco, appartenente alla famiglia mafiosa di Palermo-Corso dei Mille. L'uomo, condannato più volte per tentato omicidio, rapina, droga e associazione a delinquere di stampo mafioso, secondo le indagini aveva avuto in passato stretti rapporti con Giuseppe Salvatore Riina, figlio del superboss Totò. Tra i beni sequestrati 8 aziende, immobili, auto e la palestra 'Body Club' di via Dante, oltre ad aziende operanti nel settore dolciario e della torrefazione del caffè.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Nashville sparatoria in un locale

Usa, spari in una scuola in Indiana: due feriti, fermato sospetto

Colpita la Noblesville West Middle School di Indianapolis

Roberto Izzo in aula per deporre durante il processo per la strage di Piazza Loggia

Mostro Circeo, Izzo a pm: "Nel '75 uccidemmo una 17enne veneta"

Ha raccontato ai magistrati la verità su Rossella Corazzin, sparita 43 anni fa dai boschi di Tai di Cadore mentre era in vacanza. Fu violentata da un branco di 10 uomini e poi ammazzata

L'esercito dei bambini scomparsi: in Italia sparisce un minore ogni 48 ore

Nel 2017 il Telefono Azzurro ha gestito 177 casi. Il Lazio la regione più problematica

La polizia di Frontiera Francese continua i controlli alla stazione di Bardonecchia

Migranti, trovato cadavere al confine tra Italia e Francia

Il corpo rinvenuto a Bardonecchia, nei pressi del sentiero montano dell'orrido del Frejus