Venerdì 02 Settembre 2016 - 07:15

Mafia, operazione in sei regioni: 25 misure cautelari

200 carabinieri in azione, a vario titolo risultano indagate 149 persone

Mafia, operazione dei carabinieri in 6 regioni: 25 in arresto

Dalle prime ore della mattina oltre 200 carabinieri stanno dando esecuzione a una ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip. del Tribunale di L’Aquila, a carico di 25 persone (di cui 14 in carcere) per associazione di tipo mafioso, traffico di stupefacenti, traffico di armi, estorsione, riciclaggio. Il gruppo criminale, insediatosi in Abruzzo e Molise, ha poi esteso le proprie attività criminali anche nelle regioni limitrofe e all’estero, in particolare nei paesi dell’America latina.

 A vario titolo risultano indagate 149 persone e si sta procedendo anche a sequestro di beni immobili ed attività commerciali, nonché a perquisizioni in Abruzzo, Molise, Calabria, Sicilia, Lazio e Marche. L’organizzazione è costituita da elementi di spicco del clan Ferrazzo di Mesoraca (KR). Il Procuratore Nazionale Antimafia e Antiterrorismo Franco Roberti renderà noti maggiori dettagli nel corso della conferenza stampa prevista per le ore 12.00 presso il Palazzo di Giustizia di L’Aquila.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Catania, maxi sbarco migranti a bordo della nave "Vos Hestia" di Save the children

Migranti, nave Save the Children perquisita dalla polizia a Catania

Le operazioni a bordo della Vos Hestia. L'Ong: "Noi estranei alle indagini, sospendiamo operazioni in mare"

Brescia, incidente mortale alla gara di auto Malegno Borno

Incidente mortale a Riccione: passante fa diretta Fb ma non chiama i soccorsi

Indignazione sul web nei confronti del ventinovenne che ha messo online il decesso di un altro ragazzo

Legnano, operaio muore in seguito al crollo di un impalcatura

Puglia, reati contro la pubblica amministrazione: arrestati i sindaci di Torchiarolo e Villa Castelli

L'operazione dei carabinieri. In manette 12 persone tra cui anche vari dirigenti di uffici tecnici comunali