Lunedì 11 Aprile 2016 - 14:45

Mafia, Grasso: Stato vincerà questa lunga battaglia

Il presidente del Senato scrive sui social a 10 anni dall'arresto del boss Provenzano

Piero Grasso

 "Provenzano aveva potuto contare su una fortissima rete di supporto nella sua decennale latitanza ma, finalmente, lo avevamo preso. Sono passati dieci anni, ma resta il durissimo colpo inferto alla mafia e un un segnale chiaro: è lo Stato che vincerà questa lunga battaglia". Lo scrive su facebook il Presidente del Senato ed ex magistrato Pietro Grasso a 10 anni di distanza dalla cattura dell'ultimo boss corleonese Bernardo Provenzano.

 

 "L'11 aprile 2006 ero arrivato da qualche mese alla Procura nazionale antimafia: seguii minuto per minuto l'evolversi degli eventi finché non mi arrivò una telefonata: "Preso". - ricorda - era la liberazione da un incubo, la fine del simbolo dell'invincibilità della mafia, della caduta di un mito e di un'intimidazione diffusa. Dopo la sua cattura moltissimi giovani siciliani chiesero di poter coltivare i terreni confiscati alla mafia". Grasso racconta poi un particolare di quel giorno: "La mattina della cattura ebbi un incontro di qualche minuto con Bernardo Provenzano negli uffici della squadra mobile di Palermo - rivela - Così, pur pienamente consapevole della difficoltà, decisi di manifestargli con linguaggio criptico una sorta di apertura a una eventuale collaborazione e lo apostrofai: 'Senta, signor Provenzano, sappia che da parte mia, se c'è qualcosa da fare per questa nostra Sicilia, io sarò sempre disponibile'. A queste parole il suo sguardo diventò estremamente serio, fisso. Provenzano si sforzava di tenere immobili i muscoli del viso. Evidentemente il suo timore era che potesse trasparire un benché minimo consenso alla proposta di 'fare qualcosa' con me. Ma una risposta la doveva e, dopo una pausa di riflessione, mi disse a voce bassa, quasi impercettibile: 'Sì, ma ognuno secondo il suo ruolo'". "Disse proprio 'ruolo', con buona proprietà di linguaggio - sottolinea ancora Grasso - In due parole aveva puntualizzato: 'Tu fai il magistrato ché io faccio il mafioso. Tra noi non ci potrà mai essere alcuna possibilità di rapporto'".

 

 

 

L’11 aprile 2006 ero arrivato da qualche mese alla Procura nazionale antimafia: seguii minuto per minuto l’evolversi...

Pubblicato da Pietro Grasso su Lunedì 11 aprile 2016

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Trattativa Stato-mafia, dopo 5 anni di processo arriva la sentenza

Stato-mafia, M5S: "Giornata storica". Berlusconi e Fi pronti a querelare pm

Una sentenza che fa discutere e che rende ancora più aspri i toni dello scontro politico

Senato, Palazzo Giustiniani. Consultazioni

Centrodestra rischia di implodere: ma Cav e Salvini non mollano la coalizione

Alta tensione tra i due leader, divisi per strategie e intendimenti, ma costretti in una 'cintura' che si stringe giorno dopo giorno

Quirinale - Consultazioni

Il malumore di Mattarella, i litigi e il disinteresse per la gente

Dopo due giorni di 'esplorazioni' l'aria è pesante. E si alza il livello dello scontro (e del cattivo gusto)

Milano, Processo Ruby bis in tribunale

Emilio Fede: "Consigliai io a Casalino di proporsi come pr al M5S. È bello e simpatico"

L'x direttore del Tg 4 ha raccontato: "Venne da me e gli proposi di offrire la sua capacità, la sua simpatia e la sua bellezza fisica"