Giovedì 12 Maggio 2016 - 09:45

Mafia, estorsioni in storico quartiere di Palermo: 7 arresti

Accertato il coinvolgimento di un consigliere di minoranza di un Comune della provincia palermitana

Mafia, estorsioni in storico quartiere di Palermo: 7 arresti

I carabinieri del Comando provinciale di Palermo stanno eseguendo sette provvedimenti restrittivi emessi dal Gip del tribunale di Palermo, su richiesta della locale Procura distrettuale antimafia, nei confronti di altrettante persone accusate di associazione mafiosa ed estorsione, aggravata dal metodo mafioso. Si tratta della prosecuzione dell'operazione 'Panta Rei' del 16 dicembre 2015 che ha consentito di azzerare la capacità operativa dei mandamenti di 'Porta Nuova' e 'Bagheria', con l'arresto di 38 persone.

Emerge che le estorsioni continuano a essere uno strumento di sostentamento primario i clan. In particolare, l'indagine ha evidenziato sette situazioni a danno di commercianti e imprenditori costretti al versamento di significative somme di denaro, con cadenza mensile o in occasione delle festività di Pasqua e di Natale. La maggior parte delle attività commerciali colpite si trovano a Borgo Vecchio, storico quartiere palermitano ed enclave mafiosa dove le persone coinvolte hanno deciso di infrangere il muro dell'omertà e di fornire ampia collaborazione agli inquirenti.

Nel corso dell'indagine è stato anche accertato il coinvolgimento in una vicenda estorsiva di un consigliere di minoranza di un Comune della provincia palermitana che, in concorso con un autorevole esponente di cosa nostra bagherese, ha costretto un imprenditore a consegnare 20mila euro per la mediazione nella compravendita di un terreno dove la vittima avrebbe dovuto costruire degli immobili.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Via Cola di Rienzo

Mobilità sostenibile, studio Greenpeace su 13 città Ue: Roma ultima

Nella Capitale si registra il più alto tasso di impiego di auto private

Vie intitolate a chi firmò per le leggi razzialiLargo Arturo Donaggio

Manda sms ai familiari: "Mi stanno uccidendo", poi muore in attesa di trapianto a Roma

Giallo sul decesso del 20enne al Policlinico. I genitori: "Ci avevano detto che le sue condizioni erano stabili, ma la situazione è precipitata". Indaga la procura

Ancora piogge e temporali: il meteo del 22 e 23 maggio

Le previsioni dell'aeronautica militare

Asti, un reportage tra i luoghi dei 5 omicidi che hanno sconvolto la città

Tabaccaio ucciso durante una rapina: 5 arresti ad Asti

Manuel Bacco perse la vita nel 2014, cercando di difendere la moglie dai malviventi