Mercoledì 13 Gennaio 2016 - 11:30

Mafia e videopoker: 11 arresti e affari per 11 mln euro al giorno

Secondo gli inquirenti capo indiscusso del gruppo è l'imprenditore Luigi Tancredi, il 're delle slot'

Mafia e videopoker, 11 arresti e affari per 11 mln euro al giorno

Undici arresti e decine di perquisizioni a Roma e in Italia per un presunto giro di videopoker illegali gestito da un imprenditore ma di fatto in mano alla criminalità organizzata. Il gruppo, secondo la Direzione distrettuale antimafia di Roma, aveva messo in piedi un affare del valore di 11 milioni di euro al giorno. Le accuse a seconda delle posizioni vanno dall'associazione a delinquere con finalità agevolatrici della mafia, all'estorsione e l'intestazione fittizia di beni. Secondo gli inquirenti capo indiscusso del gruppo era l'imprenditore Luigi Tancredi, 50 anni, buona parte dei quali impiegati in attività legate a giochi e scommesse online, tanto da essersi guadagnato il soprannome di 're delle slot'. Da tempo aveva lasciato le attività di gioco legale e con l'aiuto della criminalità organizzata aveva costruito un impero del videopoker illecito parallelo a quello consentito, e più  remunerativo perché non versava alcun tributo all'erario.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Palermo, nuovo sbarco di migranti al porto: 241 sono bambini

"In Europa e Italia donne e bambini a rischio sfruttamento"

Il rapporto di Save the Children. Nel nostro paese nel 2016 le vittime sono state 1.172

Milano, 7mila euro per falsi permessi di soggiorno: in carcere 're delle trans'

Milano, 7mila euro per falsi permessi di soggiorno: in carcere 're delle trans'

Secondo gli investigatori, Biagio Lomolino era a capo di un giro di prostituzione dei trans sudamericane nel capoluogo lombardo

Processo Talluto, la pm chiede l'ergastolo per 'l'untore dell'hiv'

Il 32enne sieropositivo è accusato di epidemia dolosa e lesioni gravissime, per aver contagiato negli anni decine di partner con rapporti non protetti

Gasolio rubato in Libia e rivenduto in Italia ed Europa: sei arresti a Catania VIDEO

La merce veniva sottratta dalla raffineria di Zawyia, trasportata via mare in Sicilia e successivamente immessa nel mercato