Mercoledì 03 Febbraio 2016 - 08:30

Mafia, Dia confisca beni per 100 milioni ad eredi imprenditore

Esponente di spicco di Cosa nostra, l'imprenditore Francesco Pecora aveva come coimputati nei processi anche Pippo Calò e Tommaso Spadaro

Gli agenti della Dia

La Direzione investigativa antimafia di Palermo ha eseguito un provvedimento di confisca nei confronti dell'imprenditore edile palermitano Francesco Pecora, 77 anni, deceduto il 3 maggio 2011, e dei suoi eredi, che ha colpito beni mobili e immobili, rapporti bancari, capitale sociale e relativo compendio aziendale di sei società. Con il provvedimento di oggi sono stati sottoposti a confisca 168 immobili (appartamenti, ville, magazzini e terreni), 3 società di capitale e 3 società di persone, rapporti bancari ed altro, per un valore complessivo di oltre 100 milioni di euro.
Il provvedimento, emesso dal tribunale di Palermo - Sezione M.P., trae origine da una proposta avanzata dal direttore della Dia.

CHI ERA FRANCESCO PECORA. Pecora, personaggio di rilievo della consorteria mafiosa palermitana di Cosa nostra, annovera come suoi coimputati nei 'processi alla mafia' personaggi di alto spessore criminale, come Pippo Calò, Antonino Rotolo, Tommaso Spadaro e Giuseppe Ficarra. La figlia di Pecora, Caterina, è sposata con Giovanni Motisi, latitante, figlio del noto Matteo, noto come 'Matteazzo', già uomo d'onore della famiglia mafiosa di Pagliarelli.
Pecora è inoltre consuocero di Salvatore Sbeglia, costruttore edile palermitano, condannato per mafia e socio in affari di Raffaele Ganci, boss del quartiere Noce di Palermo.

Pecora e le sue società avevano assunto un ruolo di interfaccia e di canale di collegamento con il mondo imprenditoriale legale, gestendo i capitali provenienti dalle attività delittuose di Cosa nostra anche fuori dalla Sicilia (un'azienda confiscata ha sede legale a Pordenone), condividendo gli interessi illeciti dell'associazione.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Genova, crolla ponte sull’A10

Crollo ponte Morandi, viabilità modificata in Liguria: vie alternative

I milioni di veicoli che ogni anno vi transitavano dovranno utilizzare altri itinerari, appesantendo la rete autostradale

Calano sbarchi, omicidi e rapine, ma Salvini non festeggia

I risultati sulla sicurezza passano in sordina nel giorno di lutto per la tragedia di Genova

La Gronda di Genova, storia di un'opera contestata e mai partita

Il primo progetto risale al 1984, ma a causa di ricorsi e veti incrociati non ha mai visto la luce