Giovedì 20 Aprile 2017 - 08:30

Mafia, confiscato il patrimonio al cugino di Messina Denaro

Filardo, imprenditore originario di Castelvetrano, è in carcere

Mafia, confiscato il patrimonio al cugino di Messina Denaro

 La Direzione investigativa antimafia di Trapani ha eseguito la confisca del patrimonio mobiliare, immobiliare e societario riconducibile a Giovanni Filardo, imprenditore edile originario di Castelvetrano (TP) attualmente detenuto in carcere, cugino di primo grado del boss latitante Matteo Messina Denaro. Con lo stesso provvedimento è stata disposta nei suoi confronti la sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di dimora per 4 anni.

Filardo è stato arrestato nel 2010 nell'ambito dell'operazione Golem fase II perché sospettato di concorso con Cosa nostra. Nello specifico, fu accusato di essere membro del mandamento mafioso di Castelvetrano e di partecipato a estorsioni, incendi, interposizione fittizia di valori e di aver favorito la latitanza di Matteo Messina Denaro. Per tali fatti Filardo è stato definitivamente condannato a 12 anni e 6 mesi, con sentenza della Corte d'Appello di Palermo, che ha riformato la sentenza di assoluzione pronunciata dal Tribunale di Marsala in primo grado.

 La confisca di oggi ha consentito di confiscare un'impresa edile a responsabilità limitata, 23 tra mezzi d'opera, automezzi e autoveicoli, un fabbricato rurale, 7 appezzamenti di terreno, una villa con finiture di pregio, un fabbricato a uso abitativo e 4 conti correnti bancari.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Thailandia: ?Happy Zone? forzata a Pattaya per combattere la fama di capitale del sesso

Maddalena e la vita da escort: "Ho iniziato per pagarmi l'università, ma non riesco a smettere"

Una ventitrenne si racconta in un'intervista e spiega cosa vuol dire fare la escort

Spagna, ingenti piogge e temperature in calo

Ancora nuvole, con piogge al Sud: il meteo del 23 e del 24 gennaio

Temperature stazionarie in tutta la penisola

Cei. Apertura del Consiglio episcopale permanente.

La Cei: "Credevamo sepolti i discorsi sulla razza, no alla 'cultura della paura'"

Il presidente Bassetti: "E' immorale lanciare promesse che si sa di non riuscire a mantenere e speculare sulle paure della gente"

Continua il viaggio di Papa Francesco in Perù

Pedofilia, Papa su Barros nessuna esitazione: "Ma chiedo scusa alle vittime"

"Ho usato parole sbagliate e ho ferito chi ha subito abusi", ha spiegato il Pontefice