Venerdì 22 Aprile 2016 - 09:15

Mafia, confiscati beni per 36 milioni tra Roma e Palmi

Tra i beni interessati dal provvedimento anche un prestigioso hotel della capitale

Mafia, confiscati beni per 36 milioni tra Roma e Palmi

Maxi confisca da 36 milioni da parte della Dia tra Roma e Palmi. Dalle prime ore della mattina, personale dei centri operativi Dia di Roma e Reggio Calabria e della polizia di Stato di Reggio Calabria e Palmi sta eseguendo un provvedimento di confisca, ai sensi della normativa in tema di misure di prevenzione, del patrimonio (stimato in circa 36 milioni di euro) già sottoposto a sequestro nel 2013, di due noti imprenditori di Palmi. 

La confisca è stata disposta dal Tribunale di Reggio Calabria - Sez.Misure di Prevenzione, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria, a seguito di attività di indagine condotte  ai centri operativi Dia di Roma e di Reggio Calabria e dalla squadra Mobile di Reggio Calabria, dal commissariato di Palmi e dalla divisione Anticrimine della questura di Reggio Calabria, che hanno consentito di acquisire gli elementi necessari a dimostrare la sussistenza di rapporti tra i proposti e la cosca Gallico. Tra i beni confiscati risulta anche un prestigioso hotel di Roma, in uno dei quartieri più esclusivi della capitale.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, temperature vicine allo zero, persone infreddolite a porta Nuova

Nebbia e gelo: il meteo del 17 e del 18 dicembre

Continuano a scendere le temperature in questo nuovo inizio di settimana

REALI DI SAVOIA

Savoia, anche la salma di Vittorio Emanuele III è tornata in Italia

La salma, partita da Alessandra d'Egitto durante la notte, è arrivata al santuario di Vicoforte

REALI DI SAVOIA

Savoia, la salma della regina Elena torna in Italia

Le spoglie sono ora al Santuario di Vicoforte e presto potrebbero arrivare anche quelle del marito, re Vittorio Emanuele III

Da operaio a rubagalline fino a diventare un killer: ecco chi è 'Igor'

L'ex soldato è arrivato in Italia nel 2005, prima lavora poi inizia a delinquere