Lunedì 20 Marzo 2017 - 14:45

Mafia Capitale, ex collaboratore Alemanno: Buzzi era onnipresente

"Non esiste nessuna telefonata tra me e Carminati", ha aggiunto Lucarelli

Mafia Capitale, ex collaboratore Alemanno: Buzzi era onnipresente

"Buzzi era onnipresente". Lo ha detto Antonio Lucarelli,  capo segreteria dell'ex sindaco di Roma, Gianni Alemanno, intervenuto come testimone nel processo a Mafia Capitale che si tiene nell'aula bunker di Rebibbia. "Non esiste nessuna telefonata tra me e Carminati - ha aggiunto Lucarelli, rispondendo alle domande dei difensori dell'imprenditore Salvatore Buzzi che lo hanno citato - Non lo conosco, non l'ho mai conosciuto. In cinque anni in Campidoglio non ho mai ricevuto minacce, tanto meno legate alla cooperativa 29 giugno".  Salvatore Buzzi, ha detto Lucarelli, "partecipava a tavoli sui minori, con i sindacati, partecipava a tutto. Per qualsiasi problema c'era in città bisognava interfacciarsi con lui".

L'ex braccio destro di Alemanno ha confermato di aver incontrato l'imprenditore imputato nel processo: "Io ero il front office del Campidoglio, per cinque anni chiunque doveva passare da me - ha proseguito - ho parlato con Buzzi, sulle scale del Campidoglio, come ho parlato ogni giorno su quelle scale con decine di persone. Di quell'incontro non informai il sindaco: ora sembra importante ma all'epoca non lo era, di incontri così ne avevo centinaia ogni giorno".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Cei. Apertura del Consiglio episcopale permanente.

La Cei: "Credevamo sepolti i discorsi sulla razza, no alla 'cultura della paura'"

Il presidente Bassetti: "E' immorale lanciare promesse che si sa di non riuscire a mantenere e speculare sulle paure della gente"

Continua il viaggio di Papa Francesco in Perù

Pedofilia, Papa su Barros nessuna esitazione: "Ma chiedo scusa alle vittime"

"Ho usato parole sbagliate e ho ferito chi ha subito abusi", ha spiegato il Pontefice

Roma, chiesto processo per riciclaggio per Fini e i Tulliani

Sono accusati di essere coinvolti nel giro di affari del 're delle slot' Francesco Corallo

Infortunio mortale sul lavoro all'azienda Elettrotecnica LG

Cassino, si è suicidato il padre accusato di abusi dalla figlia minorenne

Il corpo senza vita trovato impiccato in una chiesa in località Castello a Roccasecca. La denuncia della ragazzina arrivata attraverso un tema in classe