Giovedì 15 Settembre 2016 - 12:45

Mafia Capitale, Cantone: Macchina burocratica di Roma è corrotta

Il presidente di Anac chiamato a testimoniare nell'aula bunker di Rebibbia

Mafia Capitale, Cantone: Macchina burocratica di Roma è corrotta

Un pezzo della macchina burocratica di Roma è corrotto ma è impossibile stabilirne la percentuale. In questo modo si è espresso il presidente dell'Anac Raffaele Cantone, chiamato a testimoniare al processo Mafia Capitale in corso nell'aula bunker di Rebibbia, a margine dell'audizione. "Penso che il marcio stia soprattutto nella burocrazia - ha spiegato Cantone ai cronisti lasciando l'aula bunker - se a valle o a monte non saprei dirlo in termini di percentuale. Sarà il tribunale a decidere se ci saranno concussi o corruttori in questa vicenda".
 

MAI INDIVIDUATA ASSOCIAZIONE MAFIOSA.  "Posso escludere di aver mai individuato, e segnalato alle procure,  ipotesi di 416 bis" ha precisato Cantone nell'aula bunker di Rebibbia, sottolineando che "non spetta all'Anac formulare ipotesi di reato. Questo lo fanno i pubblici ministeri. Noi ci limitiamo a segnalare irregolarità o criticità quando c'è un 'fumus' di illecito penale. A oggi posso dire che casi di 416 bis non ci sono mai capitati".
 

NON SPETTA AD ANAC BOCCIARE NOMINE. "Noi non bocciamo alcun nome, possiamo solo dire se una procedura di nomina è stata rispettata oppure no" ha sottolineato commentando l'indiscrezione comparsa su alcuni quotidiani, secondo cui Anac, con il suo parere chiesto dall'Usigrai, avrebbe rivelato irregolarità in buona parte delle nomine di dirigenti esterni fatte nei mesi scorsi dai vertici Rai. "Nelle prossime ore, ne saprete di più", ha aggiunto il presidente Anac lasciando l'aula bunker di Rebibbia dopo aver testimoniato nel processo a Mafia Capitale.

INDAGINE SU AMA. "Su Ama (l'azienda romana dei rifiuti ndr) abbiamo avviato un'attività istruttoria che inizia nel 2011 e stiamo ancora svolgendo". Cantone ha detto anche che l'indagine è in via di chiusura. Parlando con i cronisti, a margine dell'audizione l'ex pm ha sottolineato che, a proposito di Atac, c'è  stato anche lì un uso massiccio ed eccessivo delle procedure negoziate.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Roma, emergenza acqua: il Comune valuta la chiusura dei nasoni

Roma, scontro Acea-Regione. Acqua razionata dal 28

Acea contesta la decisione di Zingaretti di vietare la captazione dal lago di Bracciano. La sindaca: "Mettetevi d'accordo

Conferenza per la presentazione di "La Ricerca della Legalità'"

Pignatone: "Nel processo anche sconfitte. Ma la mafia a Roma c'è"

Il procuratore capo intervistato da Repubblica, esamina i dati della sentenza. "A giugno sequestrati beni per 520 milioni"

Roma, stop ai prelievi dal lago di Bracciano: Acea raziona l'acqua

Il no del governatore Zingaretti impone una 'rigida turnazione' a 1 milione e mezzo di romani

Aula bunker di Rebibbia - Attesa della sentenza del processo Mafia Capitale

Orfini: La mafia a Roma è radicata. Raggi: Politica sotto scacco

In risposta alla sentenza Mafia Capitale che ha fatto cadere l'accusa di associazione di stampo mafioso