Mercoledì 24 Febbraio 2016 - 08:00

Mafia, a Catania 14 arresti di appartenenti al clan Assinnata

In manette il padre del giovane al quale il 3 dicembre, durante i festeggiamenti di Santa Barbara, alcuni portatori dei cerei votivi fecero 'l'inchino reverenziale'

Mafia, a Catania 14 arresti di appartenenti al clan Assinnata

Questa mattina, alle prime luci dell'alba, nella provincia di Catania, oltre cento carabinieri hanno dato esecuzione ad un provvedimento restrittivo emesso dal gip etneo su richiesta della locale Direzione distrettuale antimafia nei confronti di 14 persone per i reati di associazione di tipo mafioso, estorsione e traffico di droga, ritenute appartenenti al clan Assinnata, articolazione - operante nel territorio di Paternò della famiglia catanese di cosa nostra dei Santapaola.

 

L'INCHINO DEL 3 DICEMBRE. L'indagine ha permesso di ricostruire le dinamiche criminali che regolavano le condotte del gruppo e le modalità di gestione dei proventi illeciti, definirne la struttura, le posizioni di vertice e i ruoli degli affiliati, nonché di ricostruire il volume degli affari illegali nel settore delle estorsioni ai danni di imprenditori edili e di commercianti di Paternò. Tra i soggetti arrestati c'è il padre del ragazzo al quale il 3 dicembre 2015, durante i festeggiamenti di Santa Barbara, alcuni portatori dei cerei votivi fecero 'l'inchino reverenziale'.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Palermo, nuovo sbarco di migranti al porto: 241 sono bambini

"In Europa e Italia donne e bambini a rischio sfruttamento"

Il rapporto di Save the Children. Nel nostro paese nel 2016 le vittime sono state 1.172

Milano, 7mila euro per falsi permessi di soggiorno: in carcere 're delle trans'

Milano, 7mila euro per falsi permessi di soggiorno: in carcere 're delle trans'

Secondo gli investigatori, Biagio Lomolino era a capo di un giro di prostituzione dei trans sudamericane nel capoluogo lombardo

Processo Talluto, la pm chiede l'ergastolo per 'l'untore dell'hiv'

Il 32enne sieropositivo è accusato di epidemia dolosa e lesioni gravissime, per aver contagiato negli anni decine di partner con rapporti non protetti

Gasolio rubato in Libia e rivenduto in Italia ed Europa: sei arresti a Catania VIDEO

La merce veniva sottratta dalla raffineria di Zawyia, trasportata via mare in Sicilia e successivamente immessa nel mercato