Martedì 27 Settembre 2016 - 09:30

Mafia, 12 arresti Corleone, c'è anche il nipote di Provenzano

Avrebbero tentato di riorganizzare il clan decapitato negli ultimi anni

Mafia, 12 arresti Corleone, anche il nipote di Provenzano

I Carabinieri della Compagnia di Palermo hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip di Palermo su richiesta della locale Procura Distrettuale, nei confronti di 12 persone, accusate a vario titolo di associazione di tipo mafioso, nonché dei delitti di estorsione e danneggiamento. Contestualmente sarà applicata la misura di sicurezza provvisoria della libertà vigilata della durata di 2 anni nei confronti di 2 ritenuti 'mandanti di un progetto omicidiario'.

L'operazione, frutto di una manovra investigativa sviluppata dal Nucleo Investigativo del Gruppo di Monreale e dalla Compagnia Carabinieri di Corleone in direzione del mandamento mafioso di Corleone e delle famiglie di Chiusa Sclafani e Palazzo Adriano, "ha consentito di avere cognizione degli assetti di vertice delle menzionate articolazioni di Cosa Nostra, nonché delle interlocuzioni con gli esponenti apicali delle famiglie limitrofe". Tra gli arrestati c'è anche il nipote del boss mafioso Bernardo Provenzano. Carmelo Gariffo, secondo gli investigatori, avrebbe tentato di riorganizzare il clan mafioso decapitato dagli arresti degli ultimi anni. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore aggiunto Leonardo Agueci e dai pm Sergio Demontis, Caterina Malagoli, Gaspare Spedale. Sono stati, inoltre, documentati numerosi reati fine espressione della capacità di intimidazione e controllo del territorio delle compagini mafiose oggetto di indagine. I particolari dell'operazione saranno resi noti in una conferenza stampa che si terrà alle ore 11.30 presso il Comando Provinciale Carabinieri di Palermo.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Unicredit bank logo is seen in the old city centre of Siena

Attacco hacker contro Unicredit, password clienti non a rischio

Una prima violazione sembra essere avvenuta nei mesi di settembre e ottobre 2016, mentre è stata appena individuata una seconda intrusione avvenuta nei mesi di giugno e luglio 2017

Stragi mafiose negli anni '90, arrestati due vertici di 'Ndrangheta e Cosa nostra

Stragi anni '90, arrestati due boss di 'Ndrangheta e Cosa nostra

Sono tra i mandanti degli attentati contro i carabinieri del '93-'94 in Calabria. Clan e cosche insieme per attaccare lo Stato

Sparatoria con due morti in Via Battisti alla centrale della polizia locale

Arrestato latitante Johnny Lo Zingaro: tradito dall'amore

Era evaso il 30 giugno, ma l'amore per una donna ha rivelato le sue tracce agli investigatori