Martedì 27 Settembre 2011 - 07:58

Madoff dei Parioli, via al processo: per Lande rito immediato

tribunale

Roma, 27 set. (LaPresse) - Inzierà oggi, davanti alla nona corte del tribunale di Roma, il processo, con con rito immediato, per Gianfranco Lande, l'ex numero uno di Egp Italia al centro dell'indagine della Procura della capitale sulla truffa a vip, aristocratici e professionisti, nota come il "caso Madoff dei Parioli". Il gip Simonetta D'Alessandro ha accolto la richiesta avanzata in tal senso dal pm Luca Tescaroli, ritenendo evidenti le prove raccolte. Con lui sono coinvolti nell'inchiesta, la sua compagna, nonché direttore di Egp Italia, Raffaella Raspi, il fratello Andrea Raspi, gli amministratori delle società del gruppo Eim, Roberto Torregiani e Giampiero Castellani de Villanova. I reati contestati sono, a seconda delle posizioni, l'associazione per delinquere, l'ostacolo alla vigilanza, l'abusivismo finanziario.

Sono 1.700 le vittime accertate dalla procura di Roma del raggiro messo in atto da Lande. Una truffa di circa 300 milioni di euro svaniti nel nulla. Tra i vip che hanno denunciato il raggiro Sabina Guzzanti, che aveva investito circa 350mila euro, David Riondino, Francesco De Cecco, erede della famiglia di pastai, i fratelli Vanzina, Samantha De Grenet, Silvia Verdone, nonchè i calciatori Stefano Desideri e Ruggiero Rizzitelli, Massimo Ranieri, il deputato del Pd, Pier Domenico Martino e la principessa Claudia Ruspoli.

Secondo la ricostruzione dell'accusa il gruppo avrebbe truffato ignari investitori gestendo un portafoglio di investimenti stimabile in 300 milioni. Somma investita - si legge nelle 17 pagine del decreto che ha disposto il giudizio - in parte in azioni, obbligazioni, fondi di investimento creati ad hoc, strumenti derivati e liquidità negli stati delle Bahamas, Lussemburgo, Gran Bretagna e Belgio, fuori dal circuito dei controlli legali, previsti dalla normativa vigente, derivanti dall'iscrizione all'albo delle imprese comunitarie di investimento con succursali in Italia, tenuto dalla Consob. I clienti venivano convinti ad investire somme ingenti in obbligazioni emesse dalla lussemburghese Dharma Holdings (la controllante di Egp) in cambio di rendimenti dal 5% al 12%. Gli investimenti venivano rimborsati regolarmente solo ad alcuni clienti che, tramite il passaparola, convincevano altri conoscenti ad investire.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, manifestazione Cgil Cisl e Uil

Pensioni, appello di Gentiloni a sindacati. Ma Camusso: "Non sono ottimista"

Il governo si è impegnato ad esentare dallo scatto dell'età pensionabile 15 categorie di lavoratori

Francoforte, convegno BCE

Draghi: "Ripresa solida e ampia, ma inflazione non convincente"

Il presidente della Bce parla in audizione di fronte alla commissione Affari economici e monetari del Parlamento europeo

Aeroporto di Torino Caselle

Alitalia, Delrio: "Lufthansa fa i suoi interessi, pensiamo al turismo"

Il ministro dei Trasporti avverte i tedeschi: "I patti siano chiari"