Giovedì 22 Giugno 2017 - 09:00

Macron: La mia elezione è inizio rinascita Ue, asse con la Germania

"Bisogna creare un'Europa che protegga, dotandoci di una vera politica di difesa e di sicurezza comune"

Macron: Mia elezione inizio rinascita Ue, asse con la Germania

"La mia elezione, come la maggioranza ottenuta all'Assemblea, sono un debutto carico di responsabilità. L'inizio di una rinascita francese e spero europea". Così il presidente francese Emmanuel Macron, in una lunga intervista al Corriere della Sera e altri sette giornali europei, alla vigilia del suo primo Consiglio Ue a Bruxelles. "Non si va a un Consiglio europeo senza avere una posizione comune tra Francia e Germania. Altrimenti l'Europa balbetta", aggiunge Macron, "bisogna creare un'Europa che protegga, dotandoci di una vera politica di difesa e di sicurezza comune. Dobbiamo essere più efficaci davanti alle grandi migrazioni, riformando profondamente il sistema di protezione delle nostre frontiere, la politica migratoria e il diritto di asilo. Il sistema attuale fa portare solo su alcuni Paesi tutto il peso e non potrà resistere alle prossime ondate migratorie". "L'Europa non è un supermercato, è un destino comune. I Paesi che non ne rispettano le regole devono trarne tutte le conseguenze politiche", sottolinea Macron, che specifica: "Non credo a un conflitto tra Est e Ovest".

 "Sono legato - sottolinea Macron - allo spazio Schengen che permette la libera circolazione delle persone in seno all'Unione Europea, e che è uno degli elementi costitutivi della nostra cittadinanza europea. Se vogliamo garantire questa libera circolazione, dobbiamo rafforzare i controlli alle frontiere esterne dell'Unione europea e dare rapidamente tutti i mezzi necessari all'Agenzia europea dei guarda-frontiere e delle guarda-coste. C'è poi la questione dei rifugiati che fuggono da Paesi in guerra, ai quali dobbiamo ospitalità e umanità. E poi i migranti che non hanno diritto all'asilo, che vanno trattati secondo le regole del diritto e con umanità, e riaccompagnati alla frontiera lavorando con i Paesi di provenienza e di transito, lavorando più efficacemente contro le organizzazioni mafiose che sfruttano la miseria umana. Rimediare poi alla situazione grottesca dei 'dublinanti', quelle persone che passano da un Paese all'altro nella speranza di ottenere infine l'asilo".
 

Le instabilità, secondo il presidente francese, "nascono in parte dalle disuguaglianze profonde provocate dall'ordine mondiale, e dal terrorismo islamista. A questi squilibri si aggiunge quello del clima. Quelli che pensano che la lotta contro il riscaldamento climatico sia un capriccio si sbagliano profondamente". "Sspero che si possa fare in modo che gli Stati Uniti ritornino nell'Accordo di Parigi. È la mano che tendo a Donald Trump", aggiunge Macron, che quanto al presidente russo, invece, dice: "Io rispetto Putin".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Iraq, ondata di autobombe a Baghdad

Cittadina tedesca affiliata all'Isis condannata a morte in Iraq

È la prima volta che il Paese emette una sentenza di questo tipo nei confronti di una donna europea

Papa Francesco in Perù

Pedofilia, O'Malley critica il Papa: "Addolora sua difesa di Barros"

Il cardinale di Boston presidente della commissione della Santa sede contro gli abusi sui minori prende le distanze da Bergoglio

Repubblica Ceca, incendio in hotel in centro Praga: 2 morti, 7 feriti

Tre sono in gravi condizioni. Il fuoco è stato domato dopo due ore

Kabul, talebani rivendicano attacco all'hotel Intercontinental: 43 morti

La polizia ha ucciso i quattro uomini armati del commando aveva preso d'assalto la struttura