Sabato 14 Maggio 2016 - 08:30

M5S, Pizzarotti: Autogol pazzesco la mia sospensione

Il sindaco di Parma: Eravamo separati in casa

Federico Pizzarotti

Roma, 14 mag. (LaPresse) - "Per star così, cosa cambiava: eravamo separati in casa. Mai un sostegno, mai una chiamata. Ho il dispiacere per la disaffezione che proverà la nostra gente: politicamente è un autogol pazzesco. Siamo stati un esempio, ma abbiamo perso il senso del limite, abbiamo sbracato". Lo dice, intervistato dal Corriere della Sera, Federico Pizzarotti, sindaco di Parma, sospeso dal Movimento 5 Stelle e indagato per abuso d'ufficio.

I pentastellati, spiega, "stanno ignorando tante regole" e questo "è altamente irresponsabile", quindi non esclude l'eventualità di fare causa al Movimento. Nessun ricorso, però, assicura: "Ha senso rimanere dove non ti vogliono? No. Può aver senso chiedere giustizia: su questo si può ragionare".  "Sono deluso - ammette Pizzarotti - dall'atteggiamento irresponsabile: non è non dando risposte che si risolvono i problemi".

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

L'arrivo della delegazione M5S arriva in Quirinale per le consultazioni con il Presidente Mattarella.

Di Maio: "Momento storico, nasce la terza repubblica: il leader è il programma". E fa il nome di Conte

L'incontro con Mattarella. Esce raggiante: "E' nata la terza repubblica". Salvini: "Più lavoro, meno tasse. L'Italia al centro"

Elezioni Regionali Valle d'Aosta, giornata di spoglio

Valle d'Aosta, Union Valdotaine in testa al 19,25%, vola la Lega a 17,08%

Spoglio centralizzato. L'affluenza è stata del 65,12%, con 67 mila 146 votanti su 103 mila 117 aventi diritto

Quirinale. Consultazioni

Governo, c'è l'accordo: M5S e Lega al Colle. Europa, scontro con il capogruppo Ppe

Al Quirinale alle 17.30 Di Maio e alle 18 Salvini. Conte verso palazzo Chigi. Scontro con il capogruppo Ppe

Luigi Di Maio presenta la squadra di Governo

Chi è Giuseppe Conte, professore di diritto a Firenze

Era stato indicato per ricoprire l'incarico di ministro della 'Pubblica amministrazione, deburocratizzazione e meritocrazia'