Sabato 14 Maggio 2016 - 08:30

M5S, Pizzarotti: Autogol pazzesco la mia sospensione

Il sindaco di Parma: Eravamo separati in casa

Federico Pizzarotti

Roma, 14 mag. (LaPresse) - "Per star così, cosa cambiava: eravamo separati in casa. Mai un sostegno, mai una chiamata. Ho il dispiacere per la disaffezione che proverà la nostra gente: politicamente è un autogol pazzesco. Siamo stati un esempio, ma abbiamo perso il senso del limite, abbiamo sbracato". Lo dice, intervistato dal Corriere della Sera, Federico Pizzarotti, sindaco di Parma, sospeso dal Movimento 5 Stelle e indagato per abuso d'ufficio.

I pentastellati, spiega, "stanno ignorando tante regole" e questo "è altamente irresponsabile", quindi non esclude l'eventualità di fare causa al Movimento. Nessun ricorso, però, assicura: "Ha senso rimanere dove non ti vogliono? No. Può aver senso chiedere giustizia: su questo si può ragionare".  "Sono deluso - ammette Pizzarotti - dall'atteggiamento irresponsabile: non è non dando risposte che si risolvono i problemi".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Maria Elena Boschi ospite di Otto e Mezzo

Gentiloni blinda la Boschi: "Ha chiarito, auguri di successo"

Ma continua la tempesta sul capo della sottosegretaria accusata da M5S di aver esercitato indebite pressioni

Maria Elena Boschi ospite di Otto e Mezzo

Banche, tempesta contro la Boschi. Lei si difende: "Ho detto la verità"

Il presidente Consob Vegas ammette diversi incontri sul tema di Banca Etruria: "Ma non ci fu pressione"

Milano, Maria Elena Boschi in Duomo alla messa dell'immacolata

Vegas: "Nessuna pressione dalla Boschi". Lei ribadisce: "Non ho mentito e non mi dimetto"

L'audizione del presidente Consob. Diversi incontri, "ma si parlò solo di fatti". Di Maio: "Ha mentito, se ne vada". La ministra: "Non è vero"

Gentiloni a Parigi alla Riunione di Alto livello sulla Forza Congiunta G5 Sahel

Migranti, Gentiloni: "Chiederemo più impegno a tutta famiglia Ue"

Il presidente del Consiglio italiano ha ringraziato i primi ministri dei paesi del gruppo Visegrad per "la loro decisione di finanziare con 36 milioni di euro il Fondo fiduciario dell'Ue per l'Africa