Martedì 03 Gennaio 2017 - 20:45

Il M5S ha approvato nuovo codice etico 'salva indagati'

La Rete dà il via libera alla linea garantista, Di Maio: "Nessuna svolta"

M5S, il nuovo codice etico 'salva indagati' approvato col 91% dei voti

La Rete ha detto sì al nuovo codice etico del Movimento 5 Stelle. Sono stati 40.954 gli iscritti che hanno partecipato alla votazione sul codice di comportamento del M5S in caso di coinvolgimento in vicende giudiziarie, che è stato ratificato con il voto favorevole del 91% dei partecipanti, pari a 37.360 iscritti. Gli indagati non saranno automaticamente fuori dal movimento, una decisione che ha fatto sollevare da più parti la critica di una svolta garantista dei 5 Stelle. "Non c'è nessuna novità", la linea di Luigi Di Maio, il codice "riguarda solo i procedimenti giudiziari. Esistono anche altri casi in cui abbiamo chiesto le dimissioni di nostri portavoce per questioni che non riguardavano vicende giudiziarie, ma che non rispettavano il modo di essere eletti nelle istituzioni incarnato dal Movimento 5 Stelle. Da noi chi non rispetta i principi che ha accettato al momento della candidatura viene messo fuori. Questa è una garanzia per chi ci vota".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Matteo Renzi ospite a Porta a Porta

Pd, Renzi 'indisponibile' a confronto con Di Maio. Gentiloni e Zingaretti attesi a Ravenna

La festa dell'Unità si terrà in Emilia dal 24 agosto al 10 settembre. È già polemica sull'invito al vicepremier pentastellato

Governo, festa M5s. Grillo suona la campanella

Beppe Grillo compie 70 anni. M5S lo omaggia: "Paziente 0 che ha diffuso virus"

Il fondatore del blog scherza su Twitter: "Vi aspetto su Marte per il Movimento 6 Stelle! Siamo oltre!"

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio

Al via il terzo giro di consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo

Pd, Grasso condannato a pagare oltre 83mila euro: "Pronto a ricorso"

Si tratterebbe della somma delle quote mensili di 1.500 euro che ogni eletto si impegna a versare al partito